Arte: "72 ore a Palermo", la mostra sulla città dell'accoglienza :ilSicilia.it
Palermo

il 13 ottobre 2018 alle ore 18.00

Arte: “72 ore a Palermo”, la mostra sulla città dell’accoglienza

di
11 Ottobre 2018

Il Polo Museale Regionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Palermo e la Extroart presentano la mostra degli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Roma dal titolo:  Settantadue ore a Palermo, curata da Anna Maiorano e Marilena Pecoraro, che sarà inaugurata il 13 ottobre 2018 alle ore 18.00, presso l’Oratorio di Santo Stefano Protomartire in Piazza Monte di Pietà, nel cuore del centro storico di Palermo.

All’interno del monumento del ‘600 saranno esposti i lavori di Antonella Parente, Alessia Liberati, Yang Liufei e Wei Lan, studentesse che frequentano il Corso di Decorazione – Arte Ambientale e Linguaggi Sperimentali dell’Accademia di Belle Arti di Roma.

Il progetto nasce da un viaggio/studio di settantadue ore a Palermo, che venti studenti dell’Accademia di Belle Arti di Roma hanno compiuto nel capoluogo siciliano in occasione delle inaugurazioni di Manifesta12.

I lavori site-specific realizzati sono il risultato di una ricerca artistica che si è focalizzata sul tema dell’accoglienza e del dono; un viaggio che è iniziato dalla al Centro Astalli di Roma – che si occupa dell’accoglienza dei rifugiati in Italia -,  momento fondamentale per meglio comprendere i temi che Manifesta 12 ha sviluppato nei luoghi del territorio siciliano.

Valeria Patrizia Li Vigni, direttrice del Polo Museale Regionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Palermo, dichira: “Siamo lieti di condividere un progetto finalizzato al coinvolgimento dei giovani in un momento fondamentale per la loro crescita e formazione artistica. Gli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Roma, presenti in città per l’inaugurazione di Manifesta 12 e ospiti del Museo durante la loro vacanza studio, si sono potuti confrontare con una realtà culturale di respiro internazionale, ma fortemente radicata con il territorio e con la sua tradizionale vocazione all’accoglienza e all’integrazione. Il risultato di questo progetto trova ulteriore senso alla luce dei risultati prodotti ed esposti alla fruizione del pubblico”.  

“Lo spazio Extroart dell’Oratorio di Santo Stefano Protomartire – dichiarano le curatrici Anna Maiorano e Marilena Pecorarosituato nello storico mercato del quartiere Capo, si trova molto vicino al Centro d’accoglienza per i rifugiati in Italia di Palermo, e questo è stato per noi un dono inaspettato. Visitare Palermo, i luoghi dell’arte contemporanea coinvolti da Manifesta12 ed il Museo Riso hanno fatto il resto, stimolando gli allievi che hanno realizzato per Palermo un lavoro di grande spessore”.

Gli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Roma, esporranno installazioni e video realizzati dopo aver effettuato questo viaggio-studio a Palermo nel mese di luglio e la mostra sarà accompagnata da testi critici di Flavia Matitti e di Giulia Giambrone e da uno scritto inedito di Padre Alessandro Manaresi del Centro Astalli di Roma.

La mostra partecipa alla 14ª edizione della Giornata del Contemporaneo organizzata da AMACI.

 

La mostra resterà aperta tutti i giorni dal martedì alla domenica ore 10.00 – 13.00, fino al 5 novembre 2018 – ingresso gratuito

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro