Arte: a Noto esposizione rinnovata per “Novecento - Da Pirandello a Guccione" | VIDEO :ilSicilia.it
Siracusa

curata da Vittorio Sgarbi

Arte: a Noto esposizione rinnovata per “Novecento – Da Pirandello a Guccione” | VIDEO

di
1 Giugno 2020

Guarda il video in alto

Fino al 30 ottobre 2020 si potranno ammirare al Convitto delle Arti Noto Museum di Noto le opere di “Novecento – Da Pirandello a Guccione – Artisti di Sicilia“, la mostra che è stata riaperta lo scorso sabato.

Curata da Vittorio Sgarbi l’esposizione è un tributo alla Sicilia, ai siciliani e alla ‘sicilitudine‘ e si innesta perfettamente nel ciclo quinquennale che ha visto Noto diventare palcoscenico di grandi mostre d’arte.

La mostra sarà visitabile nei weekend e nei festivi di giugno (dalle ore 10 alle ore 20, ultimo biglietto alle ore 19) e da luglio tutti i giorni (dalle ore 10 alle ore 24, ultimo biglietto alle ore 23).

Il percorso espositivo vuole offrire una lettura pressoché unitaria, complessiva dell’arte siciliana, nel cui eclettismo predomina per lo più un fil rouge, quello del realismo, della figurazione, che, ad eccezione di alcune parentesi di sperimentalismo innovativo, non trova ostacoli nel suo percorso.

Novecento – Artisti di Sicilia” viene riproposta a Noto variandone in parte il panorama con eliminazioni e aggiunte di nomi e con opere diverse degli stessi artisti, per ribadire e sottolineare ancora una volta l’ampiezza, la varietà e la forza del genio artistico dell’isola.

Sgarbi ha allargato al massimo, sia numericamente sia nelle generazioni, sia nella diversità degli ‘esercizi di stile’, il panorama, offrendo al numeroso pubblico dei visitatori una rara occasione, per vedere raccolte insieme prove significative ormai storicizzate sia dei più noti maestri sia di personalità defilate, ma non ignorabili, sia dei più giovani artisti, spesso costretti ad una diaspora o ad un isolamento, che non ne ha consentito una pronta conoscenza.

Il percorso espositivo prevede il rispetto delle linee guida governative sulle norme anti contagio COVID-19 ed il personale provvederà a far rispettare tutte le nuove disposizioni.

La riapertura ha visto la presenza dell’assessore Alberto Samonà che ha sottolineato l’importanza di della fruizione dei siti d’arte siciliani ed ha ricordato le prime misure della sua attività di governo.

Ad accompagnare il neo assessore anche il sindaco di Noto Corrado Bonfanti che ha confermato l’impegno della sua amministrazione nel sostenere tutte le iniziative culturali.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.