Arte, a Palazzo Mazzarino l'imponente installazione di Per Barclay :ilSicilia.it
Palermo

Fino al 4 agosto

Arte, a Palazzo Mazzarino l’imponente installazione di Per Barclay

14 Giugno 2018

PALERMO – All’interno di Palazzo Mazzarino, in via Maqueda 383, edificio storico tra i più belli  in città, un concentrato di linguaggi tra loro differenti eppure in sintesi armoniosa che vanno dal ‘500 alle opere di arte contemporanea, verrà realizzata l’installazione dell’artista norvegese Per Barclay, progetto tra i Collaterals di Manifesta 12.

La grande installazione prevede una vasca di 200 metri quadri con un innesto laterale che permetterà al pubblico una visione ravvicinata della grande massa d’olio, superficie nera e lucidissima sulla quale si specchiano le 14 colonne che sostengono le volte a crociera.

Per Barclay

L’intervento rilegge il patrimonio artistico e culturale del sito attraverso l’arte contemporanea:  innovativo e suggestivo, vuole essere una riflessione sul tempo presente, e si traduce tecnicamente in un’opera complessa che ha come protagonista il dialogo tra l’architettura dello spazio, così articolata e rigorosa, e le possibilità di un linguaggio che è cifra stilistica di uno degli artisti più intensi della contemporaneità.

Per Barclay ama Palermo, le sue contraddizioni, la sua architettura affascinante e decadente.

Durante la visita all’interno della Cavallerizza è rimasto affascinato dalla bellezza dello spazio e dalla sua storia: il contrasto tra le preesistenze del contesto circostante, i materiali utilizzati e le forme, hanno suggerito a Barclay l’idea di lavorare sull’armonia, inondando la stanza di olio per far specchiare in esso la potenza narrativa della dimora storica, capovolgendone il senso e la percezione.

Lo scarto tra l’idea e la possibilità è sottile, ed è preceduto dall’esatta percezione di un nuovo immaginifico lavoro “d’inondazione” non solo di un ambiente architettonico, ma anche al contempo della mente e dello spirito, in cui l’arte si moltiplica.

Questo intervento è stato fortemente voluto dai Marchesi Berlingieri insieme con la Galleria Francesco Pantaleone Arte Contemporanea e sostenuto da diversi collezionisti privati, oltre che dalla Schlüter System, dalla Ditta Vincenzo Pecorella oli sas, dal Consorzio Obbligatorio degli oli usati, da Maison Champagne Ruinart e da Assicurazioni Generali.

L’installazione è visitabile fino al 4 Agosto e dal 8 settembre lascerà spazio ad una mostra che includerà oltre le fotografie realizzate in questa occasione una selezione di opere storiche di Per Barclay e sarà visitabile fino al 4 novembre data di chiusura della Biennale.

Il progetto interamente curato da Agata Polizzi, coordinato logisticamente da Francesco Pantaleone e ha il supporto tecnico di Azoto Projects & Comunication.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.