Arte a Palermo, la mostra di Björn Braun all'Orto Botanico :ilSicilia.it
Palermo

Fino al 6 ottobre

Arte a Palermo, la mostra di Björn Braun all’Orto Botanico

di
4 Settembre 2018

L’associazione culturale Radiceterna Arte e Ambiente, in collaborazione con il Sistema Museale di Ateneo (SiMuA), presenta la personale dell’artista Björn Braun. È il terzo appuntamento del progetto Radiceterna Biblioteca Arte Ambiente all’interno del Calidarium dell’Orto Botanico dell’Università di Palermo, a cura di Valentina Bruschi, Ignazio Mortellaro, Eveline Wüthrich e Vittorio Rappa, che è parte dei Collaterals events della biennale europea d’arte contemporanea Manifesta 12.

Radiceterna prevede la realizzazione di una biblioteca permanente costruita grazie al sostegno di Planeta all’interno dell’edificio settecentesco del Calidarium dell’Orto Botanico, con una collezione di libri di case editrici nazionali e internazionali curata da Eveline Wüthrich (co-fondatrice e coordinatrice di “I Never Read, Art Book Fair Basel”, una fiera indipendente del libro d’arte che si tiene ogni anno, dal 2012, in contemporanea con Art Basel) e uno spazio espositivo per lo studio e la ricerca sui temi dell’arte e della natura.

radiceternaIn occasione di Manifesta 12, la project room presenta un programma di quattro mostre (Allora & Calzadilla, Katinka Bock, Björn Braun, Ignazio Mortellaro), a cura di Valentina Bruschi e Ignazio Mortellaro, con il coordinamento artistico di Vittorio Rappa. Il progetto si ispira alla Naturalis Historia di Plinio il Vecchio, una raccolta di 37 libri che trattano, in modo enciclopedico dell’uomo e della natura, scritta intorno al 77-79 d.C. Alcuni brani tratti dalla monumentale opera di Plinio sono riportati in alcune iscrizioni nella sala ottagonale del Gymnasium, edificio centrale dell’Orto Botanico.

Dopo le prime due mostre dedicate alla coppia di artisti Allora & Calzadilla e, successivamente a Katinka Bock, il terzo appuntamento espositivo nella project-room al Calidarium è una personale dell’artista tedesco Björn Braun, che ha pensato ad un allestimento delle sue opere espressamente per questo particolare luogo espositivo.

Le opere di Braun spesso sono il risultato di “collaborazioni”, dove l’artista lavora insieme alla natura, soprattutto con gli uccellini ma anche con api e topi, trasformando i resti delle loro attività (nidi, tane, uova abbandonate e piume)  in sculture. Il processo creativo è parte fondamentale del lavoro e l’opera d’arte risultante è spesso determinata dal caso. Le forme che l’artista predispone per il suo lavoro spesso ricordano l’estetica minimalista, rivista attraverso la sua predilezione per l’uso di materiali naturali umili, creando similitudini vicine all’arte povera.

Altri elementi importanti della sua ricerca sono l’ironia e l’alchimia di derivazione beuysiana, poiché l’artista spesso mescola materiali organici (dopo averli mischiati, messi a bollire o cotti al forno) nelle sue forme scultoree. In mostra le due diverse forme di collaborazione con la natura messe in radiceternapratica dall’artista: nel video, Untitled (2012) dove ha documentato la realizzazione delle sue sculture- nidi, costruiti da fringuelli usando oggetti forniti dall’artista.

Le sculture-colonne presentano le impronte lasciate dalle varie forme di denti e morsi (di animali diversi e dell’artista stesso) nella materia solo parzialmente consumata. Impronte che sono normalmente appena notate, perché scompaiono con le mele, patate, pane e pannocchie nello stomaco dei loro consumatori. L’artista distrugge ogni illusione di immediatezza dei materiali naturali sgranocchiati che vengono tradotti in cemento polimerico o calcestruzzo industriale e assemblati per formare alte colonne. Le trame che emergono sulle mele, pannocchie e pane di Braun seguono illustrano la varietà dei segni come nell’antica concezione delle colonne che narravano una storia e, in questo caso, l’attività dell’artista e dei suoi collaboratori.

radiceternaIn occasione delle quattro inaugurazioni, Radiceterna promuove una serie di live performance di musica elettronica d’avanguardia a cura di Luca Mortellaro, in arte Lucy, fondatore dell’etichetta discografica berlinese Stroboscopic Artefacts, ormai realtà seminale nella scena underground mondiale. Il 7 settembre ci sarà il live di Rrose, pseudonimo di Seth Horvitz, artista multidisciplinare statunitense che utilizza un nome d’arte come omaggio a Marcel Duchamp e il suo farsi chiamare Rrose Selavy quando si travestiva da donna, così come fa lo stesso dj quando suona nei club di tutto il mondo, trasformando i suoi live in “gender bender” performance.

La sua musica influenzata dall’elettronica pre-techno è conosciuta per le qualità tattili del suono e l’integrazione di trasformazioni graduali e interconnesse. Nel 2012, Rrose ha lanciato Eaux, un’etichetta dedicata a produzioni e collaborazioni soliste e nel 2013 ha debuttato con Stroboscopic Artefacts in Monad, release series incentrata sulla sperimentazione sonora. Per maggiori informazioni ci si può collegare a http://rrose.ro/.

Il progetto Radiceterna è parte dei Collaterals Events di Manifesta12, biennale europea d’arte contemporanea, e rientra all’interno delle iniziative culturali di Palermo Capitale della Cultura 2018.

La terza mostra del progetto Radiceterna Arte Ambiente dal Libro III di Plinio, Geografia dell’Europa Orientale: Björn Braun sarà aperta fino al 6 ottobre 2018 dal lunedì al venerdì  dal 10 alle 13 e dalle 15 alle 19; sabato solo la mattina dalle 10 alle 13 con biglietto d’ingresso all’Orto Botanico o pass stagionale per Manifesta 12.

Venerdì 7 settembre, data la capienza limitata del luogo che ci ospita, l’accesso al Calidarium sarà consentito solo a 20 persone alla volta. Durante la serata inaugurale, l’accesso al Calidarium sarà riservato ai possessori del pass stagionale di Manifesta12 oppure tramite pagamento del regolare biglietto d’ingresso all’Orto Botanico che chiuderà alle ore 19. L’accesso alla live ambient performance di Rrose è riservato fino ad esaurimento posti.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.