Arte, a Siracusa le "Visioni periferiche" di Filippo La Vaccara e Danilo Torre | VIDEO :ilSicilia.it
Siracusa

Fino al 3 febbraio

Arte, a Siracusa le “Visioni periferiche” di Filippo La Vaccara e Danilo Torre | VIDEO

di
14 Gennaio 2019

Guarda il video in alto

All’interno dell’ex museo del cinema di Siracusa, oggi Spazio AmMARE diretto da Salvatore Mauro, fino al 3 febbraio si potrà visitare la mostra “Visioni periferiche“, doppia personale di Filippo La Vaccara e Danilo Torre, a cura di Mercedes Auteri.

La Vaccara
Filippo La Vaccara

Il titolo dell’esposizione punta l’attenzione sul senso del “vista“, primo nell’approccio con l’esterno e strumento ancor più importante per un artista: la visione periferica, infatti, è quella che permette di cogliere i dettagli e le sfumature che rendono esaustivo un soggetto.

I due artisti, entrambi di origini siciliane, in questa esposizione uniscono visioni e vissuti: se nella prima sala La Vaccara presenta acrilici su carta e opere realizzate con spray, nella seconda Torre interpreta, con immagini video, la relazione tra Milano, città di residenza di entrambi, e le impressioni delle periferie già conosciute ma lontane come quelle della Sicilia o dell’Africa.

La lettura del mondo esterno, il mare è protagonista dell’indagine artistica, è maturata, sedimentata in tempi e ritmi lontani anche dalla Sicilia ma che, proprio ad Ortigia, ritrovano più forza.

Danilo Torre
Danilo Torre

Del resto lo stesso La Vaccara parla delle sue opere come “apparizioni“, condensato di più immagini che insieme ne definiscono una sola, “distillata“, custode dell’anima dell’opera finale.

Durante le riprese del documentario e durante l’allestimento della mostra ci siamo interrogati sulla relazione centro-periferia nell’arte contemporanea – dichiara la curatrice Auteri Accogliendo l’offerta siracusana abbiamo ripensato ai grandi centri di produzione artistica dei secoli passati: l’Atene di Pericle che ha dovuto poi fare i conti con emergenti periferie divenute poi anch’esse centri di produzione come Alessandria, Pergamo o Siracusa appunto. O la Roma imperiale, ma anche Costantinopoli o Ravenna. E poi Parigi ma anche Vienna e poi Monaco tra Otto e Novecento. E ancora New York ma anche Berlino o Londra ai nostri giorni. Ci siamo poi chiesti se oggi, nell’era di internet e dei voli low cost, la dinamica sia ancora la stessa”.

In esposizione si trovano dunque immagini video, dipinti ma anche qualche statuetta: tasselli di percorsi artistici e, prima di tutto, di vita.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.