Arte: a Taormina seconda tappa della mostra "Icone. Tradizione/Contemporaneità" | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

inaugurazione il 13 dicembre

Arte: a Taormina seconda tappa della mostra “Icone. Tradizione/Contemporaneità” | FOTO

di
9 Dicembre 2019

La mostra “Icone. Tradizione/Contemporaneità“, dopo Monreale, si sposta nella suggestiva cornice dell’Ex Chiesa di Sant’Agostino, nel cuore del centro storico di Taormina.

Con questa ulteriore tappa il progetto si arricchisce con la presenza in un territorio ricco di testimonianze dell’arte greca e bizantina.

Nella Sala Giovanni di Giovanni, incorniciate dai numerosi libri che compongono uno dei Fondi antichi più importanti della Sicilia, troveranno posto alcune tra le più suggestive Icone della Sicilia Nord-Occidentale realizzate da iconografi greci che si trasferirono nell’Isola tra il XVII e il XVIII sec. e che realizzarono dei capolavori tutt’ora conservati nelle chiese di Piana degli Albanesi e Mezzojuso.

Tra queste sicuramente merita una menzione speciale la “Epì soi chaìrei”, tavola raffigurante il Theotòkion, antico inno alla Madre di Dio attribuito a San Giovanni Damasceno e la Croce astile bifacciale proveniente da Mezzojuso; una croce processionale finemente decorata con i temi di “Staùrosis” la crocifissione e la “Anàstasis” la resurrezione senza dimenticare la splendida “Madonna Odighitria”, del maestro Joannikios da Cornero, proveniente dal Museo Diocesano di Monreale.

Tra classico e contemporaneo

Alle icone storiche si affiancano 12 opere contemporanee di artisti siciliani e greci che si sono misurati con il tema sacro, reinterpretandolo.

Del Comitato scientifico della mostra fanno parte: Michele Bacci, Università di Fribourg; Lina Bellanca, Soprintendente BB.CC.AA. di Palermo; Maria Concetta Di Natale, Università degli Studi di Palermo, Direttore Museo Diocesano di Monreale; Enzo Fiammetta, Fondazione Orestiadi di Gibellina, Direttore Museo delle Trame Mediterranee; Antonio Iacobini, Università di Roma “La Sapienza”; Pierfrancesco Palazzotto, Università degli Studi di Palermo; Lisa Sciortino, Museo Diocesano di Monreale; Emma Vitale e Maurizio Vitella Università degli Studi di Palermo; Mario Zito, Direttore Accademia di Belle Arti di Palermo.

Francesco Piazza
Francesco Piazza

La mostra, curata da Francesco Piazza che ne è l’ideatore insieme a Vassilis Karampatsas, coordinatore dell’intero progetto e da Giovanni Travagliato che si è occupato della parte riguardante le icone storiche, verrà inaugurata venerdì 13 dicembre, alle ore 18.

La Grecia è rappresentata dagli artisti Manolis Anastasakos, Dimitris Ntokos, Nikos Moschos, Kostantinos Papamichalopoulos, Zoi Pappa, Christos Tsimaris, mentre gli artisti siciliani sono Giuseppe Bombaci, Sandro Bracchitta, Giorgio Distefano, Roberto Fontana, Antonino Gaeta e Ignazio Schifano.

Il progetto, realizzato con il sostegno di sponsor privati, è stato organizzato dalla Comunità Ellenica “Trinacria” di Palermo con il Patrocinio dell’Eparchia di Piana degli Albanesi, dell’Arcidiocesi di Monreale e dell’Arcidiocesi di Messina, Lipari, Santa Lucia del Mela con la collaborazione del Parco Archeologico di Naxos-Taormina, dell’Università degli Studi di Palermo – Dipartimento Culture e Società e quella di Messina e delle Soprintendenze di Palermo e Messina, dell’Ambasciata di Grecia a Roma, del Consolato di Grecia a Catania.

Fortemente voluto dal Presidente della Comunità Ellenica Haralabos Tsolakis e dall’Assessore alla Cultura Francesca Gullotta e dall’Amministrazione Comunale di Taormina.

Fino al 18 aprile 2020.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.