Arte: ad Alcamo la collettiva "Communico", indagine sull'uomo contemporaneo :ilSicilia.it
Trapani

all'interno di Alcart Festival

Arte: ad Alcamo la collettiva “Communico”, indagine sull’uomo contemporaneo

di
8 Agosto 2019

All’interno dell’Alcart Festival, alla sua decima edizione, dall’11 al 13 agosto al Parco Suburbano di Alcamo (TP), manifestazione tra musica, arte, letteratura e cinema, sarà presente anche la mostra collettiva “Communico”, nella cornice di Villa Nannini (via Bagolino – Alcamo).

Communico è composto da 13 artisti siciliani che raccontano, attraverso opere visive realizzate con tecniche e linguaggi differenti, e indagano la dimensione alienata e sofferta dell’uomo contemporaneo attraverso la sperimentazione visiva. Uno spazio-corpo ferito, interpretato talvolta come punto di partenza altre volte come nodo, ma mai come punto di arrivo.

Le opere, che spaziano dalla fotografia, al collage, al fumetto, all’installazione polimaterica, saranno allestite all’interno di piazza Bagolino, nella Villa Nannini. Il titolo fa riferimento al bisogno primario dell’uomo di comunicare, di metter in comune, di far conoscere e sapere, attraverso la parola, il segno, e soprattutto il corpo.

Ed è il corpo nella sua rappresentazione a essere centrale nelle geografie di Monia Rugeri (“Geografie”) così come negli scatti di Martina Campanella (“Timide debolezze”) che ne cristallizza la fragilità in uno spazio asettico, vuoto. Un corpo mostrato, visualizzato nelle violazioni della malattia è quello delle post-anatomie di Rossella Puccio (“Dall’altra parte dello specchio“; “Ja mogu govorit \ Io posso parlare”), installazioni con grumi polimaterici e attraversamenti spettrografici che raccontano di corpi cancellati e ridotti a meri numeri da protocollo.

Corpo-mente è l’indagine di Tiziana Napoli (“Simbiosi”) che scava nei meandri più reconditi della psiche umana per restituirne i lati più intimi; allo stesso modo Fabrizio Scaglione (“Estranei”) con i suoi fotomontaggi dà dignità artistica a mostri, bestie e alieni, specchi distorti di ciò che è il diverso e l’escluso nella nostra società.

La fotografia movimentista di Chiara Vilardi (“Viaggio di introspezione”) racconta di un viaggio all’interno della mente, di momenti e sensazioni provate in passato e consegnate allo spettatore. Con le sue vignette, Giorgia Punzino (“Mancanze”) descrive l’affaticamento fisico a causa della mancanza di qualcosa o qualcuno. Celeste Asaro (“Posiah”) nelle sue tele dipinge Posiah, una ragazza spezzata dalla società ricucita per la società.

Il corpo si frammenta e scompone nelle sue parti, si fa altro, altri, come nei collage di Chiara Volpe (“Split”); mentre quelli più politici di Teodora Pirau (“You will be Deleted”) denunciano personaggi politici controversi che si sono macchiati di crimini contro l’umanità, un’operazione di sottrazione che restituisce questi ‘vuoti morali’, attraverso la rimozione di tasselli che reinventano l’immagine.

Communico è un attraversamento trasversale, dalla visione antropocentrica ci si sposta a una rappresentazione spaziale e temporale in cui l’uomo contenitore-contenuto viene esaltato nella sua negazione, come nei paesaggi contrastanti di Alessia Argento (“Pánta rheî”), il logoramento della superficie diviene espressione di una ferita interiore ed esteriore, il continuo e altalenante dividersi tra perdita e di rinascita.

Con la fotografia di Maria Chiara Budite (“Silenzio dello Stupore”) l’uomo si misura invece con l’assenza di rumore, un’immersione emotiva sospesa nel caos della vita. Ed è proprio la vita, infine, bloccata e restituita nelle sue frammentazioni che anima le opere fotografiche di Emanuela Albiolo (“Respiri”).

Ingresso gratuito.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.