18 marzo 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.15
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
Palermo

inaugurazione il 2 marzo

Arte, alla galleria Giuseppe Veniero Project gli “sbaglioni” di Sabrina D’Alessandro

22 febbraio 2019

Si inaugura sabato 2 marzo (ore 18,30), presso la galleria Giuseppe Veniero Project, la “Mostra di Sbaglióni” di Sabrina D’Alessandro, archeologa del linguaggio e fondatrice dell’Ufficio Resurrezione, ente preposto al recupero di “parole smarrite benché utilissime alla vita sulla terra“.

Lo “sbaglione“, spiega l’artista, è l’aggettivo antico appioppato a chi commette molti errori.

L’esposizione, frutto anche di una residenza d’artista nella città durata 13 giorni, ospite della Galleria, presenta lavori sull’errore e sull’errare, alcuni prodotti durante la residenza, altri selezionati dall’“archivio di errori” inevitabilmente commessi in dieci anni di attività artistica.

Per la sua ricerca sull’umano errare la D’Alessandro, che vive e lavora a Milano, si è anche addentrata tra i meandri del dialetto siciliano, frequentando le biblioteche e relazionandosi con le persone incontrate vivendo la città: dalla Classifica dei vizi capitali secondo numero di sinonimi siciliani alla Pietra Sbagliona, l’artista mette in mostra una ricerca che riguarda tanto l’errare umano quanto l’errare proprio, sublimato attraverso l’“esposizione-espiazione” dello sbaglio come oggetto artistico.

Il risultato è un lavoro su carta tanto etereo nella forma quanto implacabile nei contenuti.

Un esempio in questo senso è una copia del suo “Libro delle parole altrimenti smarrite” (Rizzoli 2011) autografato con dedica per un progetto a Berlino e mai spedito.

Altri lavori, invece, sono “falsi errori”, che per l’artista hanno un valore formale oltre che concettuale: “Sbaglione propriamente fu aggettivo atto a definire una persona che commette molti errori, per cui, sbagliando, si chiameranno qui sbaglioni anche gli errori in sé. In particolare quelli marchiani o irripetibili. L’unica cosa veramente sbagliata sono gli errori che si ripetono sempre. Finché nell’errore c’è diversità, c’è imprevisto. E dunque una nuova possibilità.”

Ingresso libero fino al 30 marzo 2019; orari e giorni di apertura sul  sito della Galleria.

 

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

Wanted perde un uomo fondamentale

Il 10 marzo del 241 a.C. la battaglia delle Egadi metteva fine alla prima guerra punica cambiando la storia del Mediterraneo con la vittoria dei Romani sui Cartaginesi.