14 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.02
Palermo

Un omaggio all'artista recentemente scomparso

Arte, alla Galleria La Piana un corpus di opere di Bruno Caruso | Video servizio

3 Dicembre 2018

Guarda il video servizio in alto 

A poche settimane dalla sua scomparsa la Galleria La Piana Arte Contemporanea di Palermo, via Isidoro La Lumia 79, ha voluto omaggiare il maestro Bruno Caruso con la mostra “Frammenti di una visione”.

Massimo La Piana
Massimo La Piana

Prima della scomparsa dell’artista, ci ha detto Massimo La Piana nel video servizio, l’esposizione era già in cantiere: “Ci è sembrato doveroso, ancor di più adesso omaggiare un simbolo dell’arte siciliana“.

Il percorso espositivo consta di una ventina di opere su carta, realizzate con le tecniche china e acquerello, e da circa quaranta incisioni, appartenenti ai suoi cicli artistici più conosciuti e amati, l’occasione per divulgare al pubblico uno spaccato dei temi cari a Caruso.

Nel filo narrativo dell’esposizione non poteva mancare il “Ficus Magnolioides“, il “mostro arboreo” tanto amato da Sciascia che con Caruso condivise un’amicizia lunga, profonda e proficua; e ancora, “Jungla“, copertina di catalogo di una importante mostra alla Ca ‘doro di Roma del 1977, nella quale le affascinanti signore borghesi trovano straordinarie affinità con le fiere di cui indossano le pelli.

Bruno Caruso La Piana

E poi ancora “le opere politiche e sociali“: gli omaggi a Federico II, alla Repubblica Napoletana del 1799, le incisioni dedicate al viaggio di Ibn Jubayr, i suoi popolani, ragazzi e ragazze ossute con i capelli lunghi e ricci, le pupille dilatate e le labbra carnose, la sua flora sensuale e lussuriosa, che sembra vivere più nella dimensione umana che in quella vegetale.

Tratti scarni, secchi, spesso in bianco e nero che, però, racchiudevano tutto il travaglio interiore di un artista che ha segnato tutto il ‘900 con le sue produzioni.

La mostra, la terza realizzata per Bruno Caruso dalla Galleria La Piana, rimarrà visitabile fino al 15 gennaio 2019, ingresso libero tutti i giorni, festivi esclusi, dalle 10.30 alle 13 e dalle 17 alle 20.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
LiberiNobili
di Laura Valenti

Donne che amano troppo

Le vie della dipendenza relazionale sono da rintracciare nell’infanzia perché si è stati emotivamente deprivati di tutte quelle conferme necessarie a una buona e sana crescita del sé e per via dei condizionamenti socioculturali e religiosi che portano a essere maledettamente insicuri e dipendenti nella relazione con il proprio partner.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.