Arte, alla Galleria La Piana un corpus di opere di Bruno Caruso | Video servizio :ilSicilia.it
Palermo

Un omaggio all'artista recentemente scomparso

Arte, alla Galleria La Piana un corpus di opere di Bruno Caruso | Video servizio

di
3 Dicembre 2018

Guarda il video servizio in alto 

A poche settimane dalla sua scomparsa la Galleria La Piana Arte Contemporanea di Palermo, via Isidoro La Lumia 79, ha voluto omaggiare il maestro Bruno Caruso con la mostra “Frammenti di una visione”.

Massimo La Piana
Massimo La Piana

Prima della scomparsa dell’artista, ci ha detto Massimo La Piana nel video servizio, l’esposizione era già in cantiere: “Ci è sembrato doveroso, ancor di più adesso omaggiare un simbolo dell’arte siciliana“.

Il percorso espositivo consta di una ventina di opere su carta, realizzate con le tecniche china e acquerello, e da circa quaranta incisioni, appartenenti ai suoi cicli artistici più conosciuti e amati, l’occasione per divulgare al pubblico uno spaccato dei temi cari a Caruso.

Nel filo narrativo dell’esposizione non poteva mancare il “Ficus Magnolioides“, il “mostro arboreo” tanto amato da Sciascia che con Caruso condivise un’amicizia lunga, profonda e proficua; e ancora, “Jungla“, copertina di catalogo di una importante mostra alla Ca ‘doro di Roma del 1977, nella quale le affascinanti signore borghesi trovano straordinarie affinità con le fiere di cui indossano le pelli.

Bruno Caruso La Piana

E poi ancora “le opere politiche e sociali“: gli omaggi a Federico II, alla Repubblica Napoletana del 1799, le incisioni dedicate al viaggio di Ibn Jubayr, i suoi popolani, ragazzi e ragazze ossute con i capelli lunghi e ricci, le pupille dilatate e le labbra carnose, la sua flora sensuale e lussuriosa, che sembra vivere più nella dimensione umana che in quella vegetale.

Tratti scarni, secchi, spesso in bianco e nero che, però, racchiudevano tutto il travaglio interiore di un artista che ha segnato tutto il ‘900 con le sue produzioni.

La mostra, la terza realizzata per Bruno Caruso dalla Galleria La Piana, rimarrà visitabile fino al 15 gennaio 2019, ingresso libero tutti i giorni, festivi esclusi, dalle 10.30 alle 13 e dalle 17 alle 20.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.