Arte, alla GAM l'omaggio al pittore ottocentesco Antonino Leto | VIDEO SERVIZIO :ilSicilia.it
Palermo

Fino al 10 febbraio 2019

Arte, alla GAM l’omaggio al pittore ottocentesco Antonino Leto | VIDEO SERVIZIO

di
13 Ottobre 2018

Guarda il video servizio in alto

La Galleria d’Arte Moderna di Palermo dedica ad Antonio Leto (Monreale 1844 – Capri 1913) una mostra che intende restituire la statura europea dell’altro grande protagonista della pittura in Sicilia, Francesco Lojacono.

antonino leto

Il percorso espositivo, dal titolo “Antonino Leto. Tra l’epopea dei Florio e la luce di Capri“, suddiviso in sette sezioni per un totale di 94 opere, è un’occasione eccezionale per riconsiderare l’artista nel suo articolato percorso che lo ha visto formarsi innanzitutto a Napoli, dove si recò nel 1864, attratto dalla pittura di Giuseppe De Nittis, e dalle proposte della “Scuola di Resina”.

Vincendo il “Pensionato Artistico” promosso dai Florio Leto si trasferisce prima a Roma nel 1875 e poi a Firenze, tra il 1876 e il 1878, dove collabora con la Galleria Pisani che diventa il maggior acquirente della produzione di quegli anni; il soggiorno a Parigi sarà decisivo per l’affermazione sul mercato internazionale.

antonino leto

Tra le sezioni più interessanti quella che ricostruisce il rapporto tra Leto e la famiglia Florio, che sono stati i suoi maggiori mecenati, dove si può ammirare “La mattanza a Favignana“, uno dei dipinti più intensi del nostro Ottocento che, nella sua coinvolgente dimensione epica, rimanda alle pagine de I Malavoglia di Verga, opera di proprietà della Fondazione Sicilia.

In esposizione anche la produzione presentata alle Biennali di Venezia, in particolare quelle del 1910 e del 1924 che consacrarono Leto a livello internazionale. La sua fama in questo ambito è legata soprattutto a paesaggi con vedute di Capri e per la prima volta viene presentato uno dei suoi capolavori, “Dietro la piccola marina a Capri“, originariamente acquistato dal principe Costantino di Grecia alla IX Biennale di Venezia.

Leto ha saputo rendere, con uno stile personale ed unico, l’atmosfera e la luce della Sicilia che, in quegli anni di transizione del secolo, anche attraverso la pittura, stava entrando nell’immaginario universale.

Curata da Luisa Martorelli e Antonella Purpura, la mostra è promossa dal Comune di Palermo – Assessorato alla Cultura, dalla Galleria d’Arte Moderna E. Restivo, in occasione di Palermo Capitale della Cultura 2018; organizzata da Civita.

La mostra sarà fruibile dal 13 ottobre al 10 febbraio 2019, tutte le informazioni utili sul sito della GAM.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Moderati per sopravvivere

Si torna a parlare di un partito dei “moderati” che - come ci informa Belzebù nell’articolo di questi giorni - dovrebbe mettere insieme i cespugli della politica italiana: Italia Viva di Matteo Renzi, Azione di Carlo Calenda, Più Europa di Emma Bonino e Forza  Italia o almeno una sua parte. Un’adesione che finora, però, è più una speranza che una certezza
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per