Arte: due appuntamenti alla scoperta delle opere dell'architetto Giacomo Amato :ilSicilia.it
Palermo

simbolo del Barocco siciliano

Arte: due appuntamenti alla scoperta delle opere dell’architetto Giacomo Amato

di
27 Maggio 2019

La Galleria Regionale di Palazzo Abatellis e Palazzo Butera proporranno, per martedì 28 maggio, una giornata dedicata all’architetto-crocifero Giacomo Amato (1643-1732).

Amato

Alle ore 11 Sabina de Cavi, professoressa all’Università di Cordova, interverrà per presentare la mostra dei sette volumi di disegni di Amato, per l’occasione esposti all’Oratorio dei Bianchi.

La mostra, a cura di Evelina De Castro, permette di comprendere questo straordinario corpus di disegni di architettura e di oggetti d’arte, ancora conservati nel loro assetto settecentesco.

L’altro appuntamento coinvolgerà Palazzo Butera dove, a partire dalle ore 17, Stefano Piazza presenterà l’importante volume della de Cavi, dedicato agli stessi disegni, pubblicato da De Luca nel 2017, “Giacomo Amato. I disegni di Palazzo Abatellis. Architettura, arredi e decorazione nella Sicilia barocca“.

Palazzo Butera

Questa pubblicazione è la prima monografia, sulla poliedrica attività dell’architetto, decoratore, arredatore, consistente in un libro composto di una prima parte di saggi relativi alle varie discipline in cui Amato si cimentò, accompagnati da importanti studi di contesto relativi agli scambi artistici tra Sicilia, Roma, Napoli e la Spagna, ed una seconda parte contenente il catalogo generale dei disegni raccolti nei sette volumi, in gran parte inediti.

Rivelati al grande pubblico da Alvar González Palacios e saltuariamente pubblicati da studiosi, la collezione ammonta a un totale di 497 disegni.

Si tratta dell’unica collezione di progetti di un architetto italiano del Seicento conservata intatta a livello europeo: neppure gli Uffizi possono contare una collezione monografica tanto estesa e tanto completa. Presenta schizzi ed elaborati tecnici per opere diversissime: da chiese ed architetture civili a candelieri ed alcove in argento, tavoli in marmi mischi, cornici, plinti ed alzate per esporre e valorizzare le collezioni dei viceré spagnoli suoi protettori.

AmatoNumerosissime le tecniche grafiche utilizzate, spesso miste: carboncini più o meno grassi, diversi tipi di matite, dorature, coloriture (a tempera e ad acquarello), documentando in questo modo la varietà delle tecniche disegnative del Barocco siciliano.

Stefano Piazza, professore di Storia dell’architettura all’Università di Palermo e specialista del Settecento, dialogherà con l’autrice.

La giornata di approfondimento sarà un’occasione unica, per appassionati, studiosi o curiosi, per  entrare nel mondo del grande architetto-designer del Barocco palermitano che alla Kalsa ha lasciato i suoi capolavori.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin