Arte: in quarantena, tra Palermo e New York, le opere sulla peste di Antoon van Dyck :ilSicilia.it

realizzati durante l'epidemia di peste del 1624

Arte: in quarantena, tra Palermo e New York, le opere sulla peste di Antoon van Dyck

28 Marzo 2020

È storia che le epidemie, nelle varie epoche, non abbiamo comunque fermato creatività e produzione artistica riuscendo, magari, a trovare anche intercessione nel raffigurare Santi e protettori. Esempio ne è, come riporta il The New York Times, l’opera di Antoon van Dyck intitolata “Santa Rosalia intercede per la pestilenza di Palermo“.

Il pittore fiammingo la realizzò a Palermo, proprio nel periodo di quarantena forzata: siamo nel 1624, è primavera, e il giovane artista viene chiamato dal vicerè spagnolo in Sicilia per realizzare un suo ritratto.

Van Dyck Santa Rosalia
l’opera all’Oratorio del SS Rosario in San Domenico a Palermo

Dopo poche settimane di permanenza – il 7 maggio per la precisione – è la stessa autorità locale che dichiara lo stato di emergenza e la diffusione della peste in città. Allora, come oggi, furono impediti gli spostamenti e imposto l’isolamento.

Straniero in un’isola che non conosceva bene van Dyck cominciò a dipingere diversi soggetti riscontrando, nel frattempo, la nascita di un nuovo culto popolare legato alla figura di Santa Rosalia, della quale la storia era già nota.

 

van Dyck a New York
van Dyck a New York

Il fatto discriminate fu che, proprio in quelle settimane, vennero ritrovate le spoglie della Santa sul Monte Pellegrino e, fatalmente, la peste da quel momento piano piano cominciò a rallentate.

Più di uno furono i dipinti che van Dyck realizzò in quel periodo di isolamento forzato, tutti dedicati alla Santuzza, uno dei quali è una pala d’altare custodita ancora oggi nell’Oratorio del SS Rosario in San Domenico (Via Bambinai, 2 adiacente alla Chiesa).

Un’altra, delle cinque opere sopravvissute, appunto è quella custodita al Met Museum di New York, acquisita nel 1871, e, fatalmente, oggi si trova in quarantena, così come tutte i pezi d’arte nel mondo, in attesa che l’epidemia da Covid-19 permetta la sua visione, nella particolare circostanza del 150° compleanno del museo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.