Arte: inaugurata "La spirale della vita" in memoria delle vittime di mafia | Video servizio :ilSicilia.it
Palermo

Tra i Collateral di Manifesta 12

Arte: inaugurata “La spirale della vita” in memoria delle vittime di mafia | Video servizio

di
19 Luglio 2018

Guarda il video servizio in alto

Ė un misto di commozione ed esaltazione la sensazione che si prova entrando all’interno de “La spirale della Vita“, l’installazione, site specific, realizzata a Palermo, in Piazza Bologni dall’artista veneziano Gianfranco Meggiato con circa duemila sacchi di juta riempiti di argilla espansa.

la-spirale-della-vita

Tante le peculiarità e i dettagli non lasciati al caso che fanno dell’opera un chiaro esempio di “arte militante“.

Sono ottocento, infatti, i sacchi che portano impressi un nome: esattamente tutti i nomi delle vittime di mafia che, con il loro sacrificio e sulla scorta del loro sangue, hanno inevitabilmente contribuito ad un cambio di visione e percezione del fenomeno mafia.

Non a caso l’inaugurazione dell’installazione, in esposizione fino al 9 settembre, che poi verrà donata in maniera permanente alla città, cade il 19 luglio, giorno della commemorazione della strage di via D’Amelio.

La realizzazione poi della messa in posa, con materiali organici, permette anche un’esperienza sinestetica dell’installazione dove l’odore della juta si mischia al calore rilasciato, nel movimento intrinseco del percorso a spirale, simbolo archetipico per eccellenza.

il mio pensiero libero

Il viaggio, metaforico e simbolico, si conclude poi al centro con un’altra opera, alta quattro metri, dal titolo “Il mio pensiero libero“, segno della libertà conquistata e sofferta e per questo più vera.

L’opera, inserita nel programma di I-design tra i Collateral di Manifesta 12 e in Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018, curata da Daniela Brignone, su progetto di Dario Scarpati, esperto di accessibilità museale, è concepita per consentire l’ingresso alle persone con disabilità motoria e agli ipovedenti in autonomia, grazie alla presenza di guide in braille e di spazi studiati ad hoc per la fruibilità di tutti.

L’installazione sarà accompagnata da un catalogo pubblicato da Editoriale Giorgio Mondadori, con interventi istituzionali e saggi della curatrice Brignone e del critico Luca Nannipieri.

Tra i patrocinatori dell’evento, oltre al Comune  di Palermo e al Museo Riso diretto da Patrizia Valeria Livigni, ci sono il No Mafia Memorial presieduto da Umberto Santino, il Centro Paolo Borsellino presieduto da Rita Borsellino, il Marca (Museo delle Arti di Catanzaro) e la Fondazione Rocco Guglielmo.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.