Arte: inaugurata "La spirale della vita" in memoria delle vittime di mafia | Video servizio :ilSicilia.it
Palermo

Tra i Collateral di Manifesta 12

Arte: inaugurata “La spirale della vita” in memoria delle vittime di mafia | Video servizio

19 Luglio 2018

Guarda il video servizio in alto

Ė un misto di commozione ed esaltazione la sensazione che si prova entrando all’interno de “La spirale della Vita“, l’installazione, site specific, realizzata a Palermo, in Piazza Bologni dall’artista veneziano Gianfranco Meggiato con circa duemila sacchi di juta riempiti di argilla espansa.

la-spirale-della-vita

Tante le peculiarità e i dettagli non lasciati al caso che fanno dell’opera un chiaro esempio di “arte militante“.

Sono ottocento, infatti, i sacchi che portano impressi un nome: esattamente tutti i nomi delle vittime di mafia che, con il loro sacrificio e sulla scorta del loro sangue, hanno inevitabilmente contribuito ad un cambio di visione e percezione del fenomeno mafia.

Non a caso l’inaugurazione dell’installazione, in esposizione fino al 9 settembre, che poi verrà donata in maniera permanente alla città, cade il 19 luglio, giorno della commemorazione della strage di via D’Amelio.

La realizzazione poi della messa in posa, con materiali organici, permette anche un’esperienza sinestetica dell’installazione dove l’odore della juta si mischia al calore rilasciato, nel movimento intrinseco del percorso a spirale, simbolo archetipico per eccellenza.

il mio pensiero libero

Il viaggio, metaforico e simbolico, si conclude poi al centro con un’altra opera, alta quattro metri, dal titolo “Il mio pensiero libero“, segno della libertà conquistata e sofferta e per questo più vera.

L’opera, inserita nel programma di I-design tra i Collateral di Manifesta 12 e in Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018, curata da Daniela Brignone, su progetto di Dario Scarpati, esperto di accessibilità museale, è concepita per consentire l’ingresso alle persone con disabilità motoria e agli ipovedenti in autonomia, grazie alla presenza di guide in braille e di spazi studiati ad hoc per la fruibilità di tutti.

L’installazione sarà accompagnata da un catalogo pubblicato da Editoriale Giorgio Mondadori, con interventi istituzionali e saggi della curatrice Brignone e del critico Luca Nannipieri.

Tra i patrocinatori dell’evento, oltre al Comune  di Palermo e al Museo Riso diretto da Patrizia Valeria Livigni, ci sono il No Mafia Memorial presieduto da Umberto Santino, il Centro Paolo Borsellino presieduto da Rita Borsellino, il Marca (Museo delle Arti di Catanzaro) e la Fondazione Rocco Guglielmo.

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.