Arte: l'opera di Vito Bongiorno che anticipò la pandemia :ilSicilia.it

Si intitola "Terzo Millennio"

Arte: l’opera di Vito Bongiorno che anticipò la pandemia

26 Marzo 2020

Si intitola “Terzo Millennio” l’opera dell’artista siciliano Vito Bongiorno, classe 1963, originario di Alcamo, realizzata dieci anni fa e che, se allora destò interesse per il suo valore artistico, ogni sembra quasi una profezia della cronaca di questi giorni caratterizzata dall’epidemia da Covid-19.

Bongiorno opera
Terzo Millennio

L’opera, un quadro a tecnica mista di un metro e mezzo per 110 centimetri, riporta un uomo vitruviano sotto un mondo fatto di carbone da cui escono, come lingue malefiche, neri tentacoli di un virus destinato a ucciderlo.

A distanza di anni l’artista, rivedendola sottolinea l’aspetto simbolico, dichiara: “Ovviamente nella mia mente non era il coronavirus di oggi, ma era in senso più metaforico quell’inquinamento ecologico, sociale, economico e culturale che caratterizza la nostra epoca“.

Nella produzione di Bongiorno il carbone ha una valenza importante “perché ha un’energia incredibile e al contempo una luce che ti può rigenerare. Le mie opere esposte in questi giorni alla Galleria Fidia di Roma, che si possono vedere ora solo con un viaggio virtuale – ha detto – sono realizzate con il carbone, materiale primordiale che per me è un elemento chiave per rappresentare l’inquinamento globale, non solo ambientale ma soprattutto socio-culturale. Contiene, nella propria struttura fisica e non solo a livello di metafora, il buio e la luce, la notte e il giorno, la catastrofe e la rinascita”.

Nel corso degli ultimi anni Bonanno, che da anni vive a Roma ed è conosciuto nel panorama internazionale, ha intrapreso anche una serie di sperimentazioni tra Body Art e Land Art.

Il risultato è una fusione tra questi due movimenti artistici, nati negli anni Sessanta negli Stati Uniti e diffusisi in Europa e in molti altri Paesi. Celebri sono le foto delle sue modelle, nude e col corpo dipinto di blu, che durante le performance artistiche si muovono tra le opere – le più celebri sono le cartine geografiche in cui gli Stati sono fatti con carbone – indossando maschere antigas.

Bongiorno opere

Per me il blu è il colore che rappresenta la purezza, perché penso che ciò che è puro sia semplice e pulito – racconta – che ciò che è puro sia nudo. A un certo punto c’è un passaggio che mi fa pensare a come questa purezza possa toccare e nello stesso tempo trasformare quanto c’è di contaminato e fragile in questo momento sociale che l’umanità affronta. Da qui il carbone che simboleggia la malattia, la spaccatura, l’amarezza e l’inquinamento“.

Tutto ciò è visibile nelle foto della performance del 2012, Terra Mater, tenuta a La Pelanda di Roma.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.