21 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.50
Palermo

si parte il 14 ottobre

Arte: nella nuova programmazione della Galleria Veniero Project tutto il pop più in voga

21 Settembre 2017

C’è il pop degli artisti più in voga d’Italia, le pennellate magiche di Igor Scalisi Palmineri ed infine le opere concettuali di Pablo Dilet nella programmazione autunnale della Galleria d’arte contemporanea Giuseppe Veniero Project di Piazza Cassa di Risparmio a Palermo. Una serie di appuntamenti che esaltano il concept di uno spazio che viene sempre più apprezzato a livello nazionale e che si inseriscono in un periodo, quello autunnale, in cui gli appassionati di cultura sono in cerca di novità dopo lo stop estivo.

Ecco allora un fitto programma di eventi da vivere in galleria nel segno dell’arte. Si inizia il 14 ottobre. Per la Giornata nazionale del Contemporaneo indetta da Amaci (l’Associazione dei musei d’arte contemporanea italiana cui aderisce anche la galleria palermitana), il Giuseppe Veniero Project ospiterà una collettiva composta da un poker d’artisti sul tema “Pop da nord a sud”, un titolo provocatorio che unisce lo Stivale nel segno del pop.

A dialogare saranno per l’occasione l’ormai figura di punta dello stile, il piemontese palermitanizzato, Max Ferrigno, insieme ai siciliani Demetrio Di Grado e Pablo Dilet, con il milanese Stefano Gentile. Un poker d’artisti che metterà sul tavolo opere inedite e novità artistiche. Novembre è il mese dei Santi e dei morti, quella di giorno 2 è allora l’occasione per affrontare una tematica molto cara ai siciliani. Per questo sono stati scelti due artisti che per la prima volta dialogano insieme nella galleria di Veniero e che sanno cogliere alla perfezione il mix tra sacro e profano di cui la Sicilia è ricca di aneddoti.

Ecco allora, per tutto novembre, la personale di Igor Scalisi Palminteri e Riccardo Brugnone. I due sono già in studio per la preparazione di una mostra dal forte impatto visivo. Dicembre chiude la programmazione autunnale, che s’inaugura il 4, con un lavoro concettuale studiato da Pablo Dilet e dal Veniero Project. Uno stereotipo trasformato in opera per affermare un concetto artistico che è anche una lezione per il vivere bene: quello secondo cui anche dalla cosa più vista e comune si può sempre ricavare il proprio punto di vista.

Un lavoro nato col gusto dell’ironia, scegliendo una parola che invita all’affrontare la vita in modo leggero, il termine siciliano “futtitinni”, in un contenitore di confetti dalla segreta ricetta legata al benessere interiore. La Galleria Giuseppe Veniero Project è inoltre inserita tra gli itinerari del contemporaneo organizzati in occasione de Le Vie dei Tesori.

Una programmazione – afferma il gallerista Giuseppe Veniero – nata nel segno dell’unione, del poter fare arte facendo gruppo e della possibilità di affrontare insieme temi profondi, come nel caso della morte, e insieme di cose più frivole come un sano futtitinni. Il tutto nella considerazione che l’arte affascina proprio perché sa stare al fianco delle persone accompagnando tutti i tipi di sentimenti interiori, offrendone una possibile via di lettura”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Rimembranze in un caldo giorno di luglio

Quando in giornate come queste si perdono o si commemorano personaggi di grande spessore personalmente non mi sento solo per la loro assenza, ma mi sento solo per la mancanza all’orizzonte di personaggi con potenzialità tali da eguagliarne lo spessore.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.