Arte: Palermo riparte dopo il Covid con la mostra "Mapping" di Julien Friedler | Video interista :ilSicilia.it
Palermo

al Loggiato San Bartolomeo

Arte: Palermo riparte dopo il Covid con la mostra “Mapping” di Julien Friedler | Video interista

di
6 Giugno 2020

Guarda la video intervista in alto

Tracce, segni, molliche, visione, orme e graffiti che raccontano in “Mapping“, la prima mostra post  Covid a Palermo (dal 7 giugno al 7 luglio), l’intreccio di arte e vita che caratterizza la produzione di Julien Friedler.

All’inaugurazione, in un Loggiato San Bartolomeo sanificato e dotato alla norme di sicurezza dettate dal governo nazionale, Gianluca Marziani, che ha curato l’allestimento con Dominique Stella (assente insieme all’artista per via delle frontiere non ancora aperte totalmente), ha tracciato quelle linee, minime ed essenziali, per comprendere il peculiare territorio mentale che definisce Friedler.

Gianluca Marziani - curatore
Gianluca Marziani

Quelle in mostra – ci dice  Marziani – sono solo una selezione (31 in totale) delle opere contenute nel più ampio progetto Mapping che vuole essere anche un ponte ideale, carico di astrazioni e colori, per rimettere in moto il mondo della cultura a partire dall’arte“.

In totale, infatti, il progetto consta di una sessantina di opere che sono esposte qui a Palermo e, dal 25 luglio al 27 settembre, a Palazzo Libera, a Villa Lagarina, in provincia di Trento, realtà che collabora con il MART di Rovereto.

L’espressione di Friedler, tra le più singolari nel panorama artistico internazionale, è frutto di un intreccio che attinge alle diverse passioni e vite – ci viene da dire – vissute dall’artista.

Dalla passione per la letteratura alla formazione psicoanalitica, quale allievo di Lacan, passando per la filosofia e per la scrittura di diverse opere erudite: il tutto arricchito dal gusto per i viaggi e dal conseguente incontro con realtà diverse e lontane.

Nella serie Mapping la forma visiva supera molte tipicità estetiche, lungo una ricerca che si riallaccia a problematiche filosofiche e spirituali, nonché a temi morali di cui la pittura si prende cura fin dai primi del Novecento.

Appare immediata la considerazione, visitando la mostra, che l’arte di Friedler è forma espressiva di una contemplazione interiore e di un’esperienza di vita trasfigurata dentro l’esperienza della pittura.

La vita è pulsazione – si legge nel catalogo (La Route de la Soie Èditions) – respiro, dannazione, salvezza. E tale è l’opera ‘congiunzione degli opposto, una scrittura paradossale, un’iscrizione dei flussi che attraversa lo Spirito” come ha scritto lo stesso Friedler ne “La Verità del Labirinto“.

La mostra (ingresso 3 euro) è organizzata da MLC Comunicazione.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.