Arte: un viaggio a Palermo tra le vie del colore nelle opere di Bonanno | Video intervista :ilSicilia.it
Palermo

all'Oratorio dei Bianchi

Arte: un viaggio a Palermo tra le vie del colore nelle opere di Bonanno | Video intervista

di
3 Ottobre 2019

Guarda la video intervista in alto

Cavaliere errante per le vie del colore” è il poetico titolo della personale dell’architetto Giusto Bonanno, a cura di Valentina Di Miceli, che si inaugurerà, presso l’Oratorio dei Bianchi a Palermo, venerdì 4 ottobre alle (ore 19).

La mostra intende ripercorrere il percorso creativo dell’artista attraverso le fasi salienti della sua produzione, in un viaggio sensoriale tra le vie del colore.

Come un cavaliere errante, Bonanno si muove nei territori dell’arte esplorando sempre nuovi orizzonti in un dialogo continuo tra astrazione e figurazione.

Il colore, vero protagonista, costruisce e distrugge la forma in un gioco continuo di esplosioni e implosioni.

La guida, la costante della mia produzione è di sicuro il colore – ci dice Bonanno nella video intervista – Credo poco nell’ispirazione, dipingere è un mestiere, bisogna farlo con costanza, con attaccamento al quotidiano“.

La pittura di Bonanno è fatta di continui rimandi, arresti, inversioni di marcia, salti. L’unico elemento stabile è il colore, somatizzato, inalato come oppio, scorre nelle sue vene, viene fuori ora lieve e controllato ora agitato ed esplosivo. Ogni gesto pittorico è liberatorio, necessario per far venire fuori quel flusso di coscienza cromatica che preme alle porte dell’anima, scrive Valentina Di Miceli nel testo critico.

Tra incontri fantastici e archivi della memoria, Giusto Bonanno mostra un cammino ricco di pathos ed emozione, in cui ognuno può ritrovare la propria strada interiore, cammino costituito da una quarantina di pezzi, dal 2006 al 2019, selezionati dalla prolifera produzione dell’artista.

Per l’installazione – continua nella video intervista – per la prima volta sono stato affiancato da validissimi studenti dell’Accademia e siamo stati concordi nello scegliere una dichiarazione di disordine da cui poi abbiamo selezionato le opere e creato un percorso che alla fine lo spettatore individuerà singolarmente a seconda delle sensazioni che ne riceverà“.

La mostra, che rimarrà fruibile fino al 30 novembre, (da martedì a venerdì 10-18; sabato e domenica 10-13) è promossa dalla Galleria Regionale di Palazzo Abatellis, il Museo Regionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Palermo e dal Polo Regionale di Palermo per i Siti Culturali.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.