Arte: un viaggio a Palermo tra le vie del colore nelle opere di Bonanno | Video intervista :ilSicilia.it
Palermo

all'Oratorio dei Bianchi

Arte: un viaggio a Palermo tra le vie del colore nelle opere di Bonanno | Video intervista

3 Ottobre 2019

Guarda la video intervista in alto

Cavaliere errante per le vie del colore” è il poetico titolo della personale dell’architetto Giusto Bonanno, a cura di Valentina Di Miceli, che si inaugurerà, presso l’Oratorio dei Bianchi a Palermo, venerdì 4 ottobre alle (ore 19).

La mostra intende ripercorrere il percorso creativo dell’artista attraverso le fasi salienti della sua produzione, in un viaggio sensoriale tra le vie del colore.

Come un cavaliere errante, Bonanno si muove nei territori dell’arte esplorando sempre nuovi orizzonti in un dialogo continuo tra astrazione e figurazione.

Il colore, vero protagonista, costruisce e distrugge la forma in un gioco continuo di esplosioni e implosioni.

La guida, la costante della mia produzione è di sicuro il colore – ci dice Bonanno nella video intervista – Credo poco nell’ispirazione, dipingere è un mestiere, bisogna farlo con costanza, con attaccamento al quotidiano“.

La pittura di Bonanno è fatta di continui rimandi, arresti, inversioni di marcia, salti. L’unico elemento stabile è il colore, somatizzato, inalato come oppio, scorre nelle sue vene, viene fuori ora lieve e controllato ora agitato ed esplosivo. Ogni gesto pittorico è liberatorio, necessario per far venire fuori quel flusso di coscienza cromatica che preme alle porte dell’anima, scrive Valentina Di Miceli nel testo critico.

Tra incontri fantastici e archivi della memoria, Giusto Bonanno mostra un cammino ricco di pathos ed emozione, in cui ognuno può ritrovare la propria strada interiore, cammino costituito da una quarantina di pezzi, dal 2006 al 2019, selezionati dalla prolifera produzione dell’artista.

Per l’installazione – continua nella video intervista – per la prima volta sono stato affiancato da validissimi studenti dell’Accademia e siamo stati concordi nello scegliere una dichiarazione di disordine da cui poi abbiamo selezionato le opere e creato un percorso che alla fine lo spettatore individuerà singolarmente a seconda delle sensazioni che ne riceverà“.

La mostra, che rimarrà fruibile fino al 30 novembre, (da martedì a venerdì 10-18; sabato e domenica 10-13) è promossa dalla Galleria Regionale di Palazzo Abatellis, il Museo Regionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Palermo e dal Polo Regionale di Palermo per i Siti Culturali.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.