Articolo cita cantante neomelodica e lei polemizza su Facebook, la solidarietà al cronista :ilSicilia.it
Catania

IL POST

Articolo cita cantante neomelodica e lei polemizza su Facebook, la solidarietà al cronista

di
10 Agosto 2020

Il direttore responsabile e la redazione de ilSicilia.it esprimono solidarietà al collaboratore del quotidiano online Maurizio Zoppi per le intimidazioni ricevute su Facebook.

La solidarietà è stata espressa anche dall’Assostampa siciliana. Di seguito la nota: “Non saranno certo le frasi intimidatorie della cantante neomelodica Agata Arena, parente di un noto mafioso catanese, a intimidire il collega Maurizio Zoppi, che in un articolo pubblicato su ilGiornale.it, da cronista, ha ricostruito così come fanno i giornalisti e come è loro compito, fatti e circostanze legati al duplice omicidio e al ferimento di alcuni personaggi della criminalità catanese”.

Lo dice in una nota la segreteria regionale della Assostampa Siciliana, il sindacato unitario dei giornalisti.

“Nell’esprimere la solidarietà a Maurizio Zoppi – aggiunge Assostampa Siciliana – ci auguriamo che le frasi scritte su facebook dalla signora Arena vengano tenute nella giusta considerazione dalle forze dell’ordine e dagli investigatori affinché il lavoro del collega Zoppi possa essere tutelato e proseguire serenamente, nella convinzione che la stampa libera resta presidio fondamentale della informazione libera e democratica”, conclude la segreteria regionale.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.