Artigianato: Sicilia settima tra le regioni per numero di imprese attive, saldo positivo :ilSicilia.it
Banner Bibo

lo annuncia Unioncamere

Artigianato: Sicilia settima tra le regioni per numero di imprese attive, saldo positivo

di
8 Marzo 2021

La Sicilia si colloca al settimo posto tra le regioni italiane per numero di imprese artigiane (attive 72.316), con un saldo positivo di +152 (iscrizioni 4.064, cessazioni 3.912) e 148.668 di addetti totali. Le imprese artigiane in Italia sono 1.291.551 e rappresentano il 21% rispetto ai 6 milioni circa di imprese registrate. A livello nazionale emerge una lieve flessione, con un saldo negativo di 4.784. Le regioni in crescita sono Lazio, Campania, Trentino Alto Adige, Sicilia, Calabria.

L’analisi dei dati relativi alla nati-mortalità e quindi all’andamento delle imprese artigiane nell’Isola sono stati elaborati dall’ufficio studi di UnionCamere Sicilia. In Sicilia i settori nei quali è più forte la presenza di imprese artigiane sono: le costruzioni (20.840, + 318 rispetto al 2019, con 39.852 addetti totali), manifatturiero (18.228, -63 rispetto al 2019, con 43.330 addetti totali), altri servizi (11.614, +24, con 19.783).

Il maggiore saldo negativo si registra nel commercio all’ingrosso e al dettaglio con -107 imprese, ma resta sempre forte la presenza di addetto totali, 15.215. Perdono anche trasporto e magazzinaggio e attività di alloggio e ristorazione, attività professionali, scientifiche e tecniche, agricoltura, silvicoltura e pesca. Saldo leggermente positivo per noleggio e agenzie di viaggio, servizi di comunicazione e informazione. Costruzioni, manifatturiero e altri servizi in totale impegnano 102 mila addetti, ovvero i 2/3 del totale degli addetti in Sicilia.

“Il settore costruzioni si manifesta in netta crescita con un saldo positivo importante spinto sicuramente dall’effetto ‘super bonus 110%’ che sta agevolando un comparto che come altri ha sofferto questo anno di emergenza sanitaria – dice Pino Pace, presidente Unioncamere SiciliaIl 2020 è stato un anno pesantissimo per l’economia siciliana, ne hanno pianto le conseguenze parecchie aziende siciliane, che non sono riuscite a superare la crisi e il lockdown e non sappiamo ancora quali e quante altre saranno costrette a chiudere i battenti, considerato che siamo ancora in piena pandemia e le vaccinazioni sono state somministrate soltanto ad una piccola fascia di popolazione. Speriamo che questo nuovo governo si attivi con immediati ristori e faccia registrare una inversione di tendenza rispetto al precedente“.

“Le province con maggiore presenza di imprese artigiane sono Catania, Palermo e Messina con più di 82 mila addetti sui quasi 150mila. Crescono le imprese artigiane a Palermo, Siracusa e Ragusa, saldo abbastanza negativo per Catania con -140, perdono anche Messina (-20) e Trapani (-11), mentre Agrigento (+21), Caltanissetta (+9) ed Enna (+11)chiudono in positivo”, commenta Santa Vaccaro, segretario generale Unioncamere Sicilia.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin