Asp di Messina, Paolo La Paglia sospeso dall'incarico di direttore generale :ilSicilia.it
Messina

l'annuncio

Asp di Messina, Paolo La Paglia sospeso dall’incarico di direttore generale

di
19 Febbraio 2021

Il direttore generale dell’Asp di Messina Paolo La Paglia è stato sospeso dall’incarico ed oggi gli è stato notificato l’avvio del procedimento di decadenza firmato dal presidente della Regione Nello Musumeci.

L’assessorato regionale lo scorso dicembre aveva nominato una commissione d’inchiesta sulla gestione dell’emergenza epidemiologica da covid da parte dell’Asp messinese e dopo i risultati ha proposto l’avvio della decadenza. Il manager potrà esercitare il diritto di accesso agli atti e depositare controdeduzioni e osservazioni in 30 giorni. La Paglia è stato spesso duramente attaccato dal sindaco di Messina Cateno De Luca che ne ha chiesto la rimozione per “incapacità”. Attacchi erano arrivati anche dai sindacati.

“L’avvio dell’opportuno procedimento di decadenza del direttore generale dell’Asp di Messina dott. La Paglia rappresenta la logica ed inevitabile conclusione di una gestione della sanità messinese caratterizzata da una pesantissima inadeguatezza amministrativa” dicono Ivan Tripodi, segretario generale della Uil Messina, e Pippo Calapai, segretario generale della Uil Fpl.

“Una gestione – continuano – che ha prodotto gravi conseguenze ai cittadini-utenti ed a tutti gli operatori sanitari. Non ci interessano i riconoscimenti, ma per amore della verità storica di questa tristissima vicenda che ha generato lutti, sofferenze e malasanità, è opportuno ricordare che già nella primavera scorsa, dopo i tragici eventi occorsi nella Casa di riposo “Come D’incanto” che causarono la morte di 34 innocenti, chiedemmo al presidente Musumeci, per primi ed in assoluta solitudine, la rimozione del dott. La Paglia. Nulla di personale, ma l’intuizione relativa alla impellente necessità di consegnare il timone della sanità provinciale a mani esperte e adeguate”.

Il deputato regionale Giuseppe Laccoto dice: “Non c’è da essere soddisfatti nella vicenda che ha portato alla sospensione del direttore generale dell’Asp di Messina. C’è invece da lavorare molto per la sanità messinese. Il Commissario nominato dalla Regione dovrà essere una personalità di spessore, in grado di dare risposte importanti in termini di efficienza e qualità dei servizi resi all’utenza. Non parliamo solo dell’emergenza Covid che deve essere affrontata con tempestività e determinazione, ma i problemi riguardano più in generale la carenza di personale in tutti gli ospedali della provincia e poi problemi strutturali che incidono negativamente a più livelli, come è stato denunciato ripetutamente”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Politica
di Elio Sanfilippo

Sindaci e Imprese insieme per rilanciare la Sicilia

A chi continua a lamentarsi che la Sicilia non ha più voce in capitolo nelle scelte del governo nazionale, come dimostra la vicenda della nomina dei ministri e dei sottosegretari, ribadiamo che non ha più voce perché non ha più una testa, una guida, una classe dirigente autorevole dotata di una visione e di un progetto politico.
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin