Asp di Messina, Paolo La Paglia sospeso dall'incarico di direttore generale :ilSicilia.it
Messina

l'annuncio

Asp di Messina, Paolo La Paglia sospeso dall’incarico di direttore generale

di
19 Febbraio 2021

Il direttore generale dell’Asp di Messina Paolo La Paglia è stato sospeso dall’incarico ed oggi gli è stato notificato l’avvio del procedimento di decadenza firmato dal presidente della Regione Nello Musumeci.

L’assessorato regionale lo scorso dicembre aveva nominato una commissione d’inchiesta sulla gestione dell’emergenza epidemiologica da covid da parte dell’Asp messinese e dopo i risultati ha proposto l’avvio della decadenza. Il manager potrà esercitare il diritto di accesso agli atti e depositare controdeduzioni e osservazioni in 30 giorni. La Paglia è stato spesso duramente attaccato dal sindaco di Messina Cateno De Luca che ne ha chiesto la rimozione per “incapacità”. Attacchi erano arrivati anche dai sindacati.

“L’avvio dell’opportuno procedimento di decadenza del direttore generale dell’Asp di Messina dott. La Paglia rappresenta la logica ed inevitabile conclusione di una gestione della sanità messinese caratterizzata da una pesantissima inadeguatezza amministrativa” dicono Ivan Tripodi, segretario generale della Uil Messina, e Pippo Calapai, segretario generale della Uil Fpl.

“Una gestione – continuano – che ha prodotto gravi conseguenze ai cittadini-utenti ed a tutti gli operatori sanitari. Non ci interessano i riconoscimenti, ma per amore della verità storica di questa tristissima vicenda che ha generato lutti, sofferenze e malasanità, è opportuno ricordare che già nella primavera scorsa, dopo i tragici eventi occorsi nella Casa di riposo “Come D’incanto” che causarono la morte di 34 innocenti, chiedemmo al presidente Musumeci, per primi ed in assoluta solitudine, la rimozione del dott. La Paglia. Nulla di personale, ma l’intuizione relativa alla impellente necessità di consegnare il timone della sanità provinciale a mani esperte e adeguate”.

Il deputato regionale Giuseppe Laccoto dice: “Non c’è da essere soddisfatti nella vicenda che ha portato alla sospensione del direttore generale dell’Asp di Messina. C’è invece da lavorare molto per la sanità messinese. Il Commissario nominato dalla Regione dovrà essere una personalità di spessore, in grado di dare risposte importanti in termini di efficienza e qualità dei servizi resi all’utenza. Non parliamo solo dell’emergenza Covid che deve essere affrontata con tempestività e determinazione, ma i problemi riguardano più in generale la carenza di personale in tutti gli ospedali della provincia e poi problemi strutturali che incidono negativamente a più livelli, come è stato denunciato ripetutamente”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin