Giornalisti in audizione alla commissione Ars: "Illegittimo l'Ufficio stampa Asp di Messina" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Banner Bibo
Messina

L’allarme è stato lanciato dai giornalisti di otto testate giornalistiche.

Giornalisti in audizione alla commissione Ars: “Illegittimo l’Ufficio stampa Asp di Messina”

di
16 Dicembre 2016

Alcune aziende ospedaliere di Messina affidavano incarichi di addetti stampa senza seguire regolari procedure concorsuali continuano ad eludere sia la legge 150 che la circolare dell’assessore Gucciardi del 12 agosto 2015. L’allarme, approdato all’Ars, all’attenzione della VI Commissione sanità, è stato lanciato dai giornalisti di otto testate giornalistiche. Nella scorsa seduta sono state ascoltate Rosaria Brancato e Patrizia Vita, in rappresentanza dei giornalisti firmatari dei documenti di denuncia pubblicati nelle scorse settimane.

A sottoscrivere le note, inviate anche all’assessore regionale alla sanità Baldo Gucciardi ed all’Ordine dei giornalisti, sono stati i giornalisti di Tempostretto.it, Messinaoggi.eu, Normanno.com, Messinaora.it, Ecodelsud.it, Messinasportiva.it, dell’emittente televisiva Tremedia, di Radio Street ed il corrispondente dell’agenzia Ansa.

L’Azienda Ospedaliera Papardo, in particolare, si è reso protagonista di alcune strategie comunicative sui generis, affidando l’ufficio stampa ad una giornalista pubblicista, definita in audizione dal direttore generale Michele Vullo: “una volontaria che si è offerta di collaborare gratuitamente”.

In audizione erano presenti anche i manager delle aziende ospedaliere di Messina ed in generale è emersa la volontà di trovare soluzioni condivise per superare gli ostacoli normativi, ma parte delle perplessità denunciate sono state confermate da alcune dichiarazioni.

angelo-aliquoNon è stata molto credibile la versione offerta dal direttore generale dell’Irccs-Piemonte, Angelo Aliquò (nella foto) che ha affidato un incarico di addetto stampa per 3 mesi ad una giornalista pubblicista selezionata “tra 4 curricula giunti alla mia attenzione” senza alcun avviso pubblico.

Aliquò e Giuseppe Laganga, commissario del Policlinico messinese hanno comunque confermato di voler collaborare con l’Ordine dei giornalisti per rimuovere gli ostacoli normativi all’applicazione nel comparto sanità della legge 150 e quindi procedere con l’indizione di concorsi e selezioni.

A conclusione dell’audizione, su proposta degli onorevoli Grasso e Picciolo, è stato concordato di trasmettere i verbali all’assessore Gucciardi per invitarlo a ribadire, attraverso una nuova direttiva, ai manager delle aziende ospedaliere siciliane, l’invito a rispettare le procedure concorsuali ed a vigilare sulla mancata applicazione.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin