11 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 23.19
Palermo

L'iniziativa della Fials Confsal

Sanità: disagi in vista a Palermo. Da lunedì protesta dei contrattisti | Video

7 Dicembre 2018

Si preannunciano disagi nei prossimi giorni per gli utenti degli ospedali e delle strutture sanitarie di Palermo e provincia. Il sindacato Fials-Confsal ha proclamato lo stato di agitazione dei 651 precari dell’Azienda sanitaria provinciale, per rivendicare il loro diritto alla stabilizzazione. Per questo da lunedì prossimo, 10 dicembre, parteciperanno a cortei per le vie del Centro e sit-in davanti la sede dell’Asp, in via Cusmano, e quella dell’Assessorato, in Piazza Ottavio Ziino. La protesta durerà fino al mercoledì successivo. In questi tre giorni cercheranno di richiamare l’attenzione delle istituzioni e della politica con l’obiettivo di ottenere un contratto a tempo indeterminato.

Si tratta di personale tecnico e amministrativo, che da circa 25 anni svolge importanti mansioni per il funzionamento degli uffici e per l’erogazione dei servizi e delle prestazioni sanitarie ai cittadini. “Abbiamo le leggi – spiega il segretario Vincenzo  Munafò la spesa è storicizzata e gli uffici senza di noi vanno in tilt, ma il commissario Antonio Candela ha deciso di non assumerci”. Il riferimento normativo è in particolare alla legge Madia che prevede la stabilizzazione del personale precario della Pubblica amministrazione.

Il sindacato ha già chiesto un incontro con l’assessore al ramo, Ruggero Razza, per promuovere un tavolo negoziale, attraverso il quale predisporre un cronoprogramma che garantisca, entro il dicembre 2020, la totale stabilizzazione di tutti i 651 precari della sanità palermitana.

“Il tetto di spesa per la stabilizzazione del personale contrattista è pienamente rispettato – chiarisce Munafò – perché questo bacino è già pagato con le risorse che l’Asp utilizza per la spesa di tutto il personale. Questo principio fabbisogno reale/tetto di spesa è ribadito dalla circolare del Ministero dell’economia registrata positivamente dalla Corte dei Conti per cui si può procedere alla stabilizzazione. Eppure ancora oggi tutti i solleciti inviati dalla scrivente sono rimasti inevasi e il personale contrattista ex Lsu resta ultimo bacino in Sicilia fortemente penalizzato”.

“Già presso il Civico – spiega Mario Di Salvo, segretario aziendale della Fials presso l’ospedale palermitanoabbiamo fatto stabilizzare 40 precari storici, che lavoravano lì da 15 anni, semplicemente attraverso un impegno costante. I lavoratori, quindi, non devono scoraggiarsi, ma al contrario devono intensificare la lotta”.

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.