Aspettando il Festino 2019: si comincia con "Racconti, storie e misteri di Santa Rosalia" | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

In collegamento con New York

Aspettando il Festino 2019: si comincia con “Racconti, storie e misteri di Santa Rosalia” | FOTO

di
27 Marzo 2019
Interno Grotta Santuario

Guarda la fotogallery in alto 

Sabato 30 marzo prenderà il via il calendario di incontri del programma #aspettandoilfestino2019,  ideato da Vincenzo Montanelli e Lollo Franco, tappe di avvicinamento ai festeggiamenti ufficiali del 395° Festino di Santa Rosalia.

santuario santa rosalia
don Gaetano Ceravolo

Si comincia proprio da Monte Pellegrino con “Racconti, storie e misteri di Santa Rosalia” dove don Gaetano Ceravolo, reggente del Santuario, dalle ore 16 nello spiazzale antistante comincerà a raccontare i passaggi più significativi legati alla storia e al culto della Santuzza tra sogni, visioni, miracoli e leggende.

Per la prima volta nella storia del Festino, poi, ci sarà un collegamento con New York in particolare con Radio Hofstra University, una delle realtà che sta promuovendo l’evento presso le Comunità Italiane presenti all’estero.

Santa Rosalia
Interno Grotta Santuario

Il racconto proseguirà all’interno della grotta del Santuario, dove don Ceravolo mostrerà i segni e le testimonianze ancora visibili, completando, ai piedi della Statua della Santuzza, il racconto, prima della celebrazione della Santa Messa.

Sarà possibile, inoltre, accedere alle “Stanze del tesoro di Santa Rosalia”, un piccolo ma ricchissimo museo che conserva oggetti unici, tra cui una preziosissima Galea d’argento, nave ex-voto, e il libro che Goethe lesse arrivato al Santuario, ritrovati nell’Antico Forziere, locale restaurato, adibito una volta a deposito e magazzino, anch’esso oggetto della visita, luogo che tra il 1600 e il 1700 custodiva quanto oggi è esposto nell’antica “Sala consiliare.

L’appuntamento, a cui prenderanno parte tra altri anche il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore alle Culture Adham Darawsha, prevederà anche un momento musicale curato dal Quartetto Mozart, composto da Davide Mazzamuto, Marcella Napolitano, Carmelita Di Marco e Nicola Timiras, che eseguiranno, nel corso del pomeriggio, brani attinti dal repertorio del compositore austriaco.

L’ingresso è libero.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.