Asse Ferrandelli-Tosi: "Voglio Palermo come Verona" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Asse Ferrandelli-Tosi: “Voglio Palermo come Verona”

di
29 Aprile 2017

Una sinergia che attraversa tutta l’Italia, da Palermo a Verona. Uno scambio di idee e progetti tra il candidato a sindaco di Palermo Fabrizio Ferrandelli del Movimento dei Coraggiosi e il sindaco di Verona Flavio Tosi nella sede del comitato elettorale del primo, in piazza Luigi Sturzo, a Palermo.

Il primo cittadino di Verona dopo dieci anni di mandato racconta la sua esperienza: “Verona oggi è la quarta città per turismo in Italia. L’amministrazione paga i creditori prima di tutte le altre città d’Italia, entro venti giorni. Abbiamo reso Verona attrattiva e competitiva. La sfida di Fabrizio Ferrandelli a Palermo è la stessa che qualche anno fa ho fatto io nella città di Verona – spiega Flavio Tosi- Trovo che Fabrizio come me dialoga con la città. La maggior parte delle persone che lo sostengono sono liste civiche. Io e Fabrizio abbiamo fatto scelte coraggiose di staccarci dai partiti e creare legami forti con i cittadini. Fabrizio ha deciso lasciare il posto di deputato alla Regione siciliana per candidarsi a sindaco della sua città. Per me questa è una scelta coraggiosa”.

Anche Fabrizio Ferrandelli elogia il modello Verona e il suo primo cittadino: “Flavio Tosi ha scelto l’incarico di sindaco rispetto a cariche più elevate. Lo ha fatto per la sua città. Anche noi decidiamo di parlare con commercianti e residenti, ma anche con i cittadini delle borgate palermitane più periferiche” spiega Ferrandelli. Invece “l’amministrazione Orlando ha adottato un provvedimento come quello delle Ztl senza dialogare con le parti sociali, imponendo la decisione dall’alto”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin