"Assembramenti e poca sicurezza nel tribunale di Palermo": avvocati chiedono un tavolo di crisi :ilSicilia.it
Palermo

LA LETTERA APERTA dei giuristi

“Assembramenti e poca sicurezza nel tribunale di Palermo”: avvocati chiedono un tavolo di crisi

di
28 Ottobre 2020

Udienze in contemporanea, assembramenti nei corridoi dei palazzi di giustizia, assenza di dispositivi di sicurezza per magistrati e personale. L’associazione giuristi siciliani scrive una lettera aperta al presidente del Tribunale di Palermo e al presidente della Corte d’appello palermitana per chiedere l’istituzione di un ‘tavolo di crisi’ per garantire maggiori tutele per gli avvocati palermitani. “Sono decine i legali già infettati nella indifferenza di tutti“, si legge in una nota dell’associazione.

“In un momento così unico e critico della storia recente – scrive Francesco Leone, presidente Agius – il mondo della giustizia non è riuscito a fare fronte comune dinanzi alle enormi difficoltà che questa pandemia sta provocando al regolare svolgimento delle attività dei palazzi della Giustizia, vero cuore pulsante della tutela del diritto di difesa”. Nelle ultime settimane, l’Agius ha raccolto tante lamentele da parte degli avvocati palermitani in ordine a un’inammissibile e quanto mai dimenticata forma di rispetto della categoria.

“La disorganizzazione è palese e sotto gli occhi di tutti – precisa Francesco Leone -. Ogni giorno ci si ritrova ammassati nei corridoi dei palazzi della giustizia, con udienze fissate allo stesso orario, o con una calendarizzazione d’orario che, seppur scaglionata, non viene in alcun modo rispettata. Se nel settore civile, grazie alla riforma, si ha la possibilità di sapere già in anticipo l’orario dell’udienza, nel penale questo non avviene non consentendo, così, agli avvocati di accedere in tribunale solo all’ora stabilita per la trattazione e di gestire nella maniera più sicura l’agenda giornaliera delle proprie udienze”.

“Mentre molti locali sono costretti alla chiusura, nei tribunali palermitani, così come nel resto d’Italia – sottolinea l’Agius – non vengono attuate neanche le primarie misure anticovid, come il distanziamento e il differimento degli orari. Di contro, avevamo già chiesto l’attuazione di alcune misure straordinarie a tutela degli avvocati e di tutto il personale amministrativo presente nei tribunali”.

“Lo strumento della trattazione scritta, così come quello delle udienze da remoto – si legge nella lettera – potrebbero essere utilizzati anche negli uffici del Giudice di Pace”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin