Assessorato beni culturali, Tardino (Lega): "Identità nel nostro DNA, critiche 5 stelle fuori luogo" :ilSicilia.it

IN RISPOSTA ALLE DICHIARAZIONI DI DE LUCA E PASQUA

Assessorato beni culturali, Tardino (Lega): “Identità nel nostro DNA, critiche 5 stelle fuori luogo”

di
8 Marzo 2020

In un momento di grave difficoltà, in cui il Paese si confronta con decisioni drammaticamente urgenti, alcuni deputati grillini ritengono sia opportuno parlare di nomine e assessorati, attaccando e insultando la Lega siciliana. Le preoccupazioni e le esigenze dei cittadini sono oggi ben altre e la politica, quella vera, dovrebbe nell’emergenza dare l’esempio e dimostrarsi responsabile, anziché polemizzare su rimpasti e accordi.

Esordisce così Annalisa Tardino, europarlamentare della Lega, nel commentare le parole di Antonio De Luca e Giorgio Pasqua, deputati del Movimento 5 stelle all’Assemblea Regionale Siciliana, in merito ad un’eventuale nomina di un esponente leghista quale Assessore ai Beni culturali e all’Identità Siciliana.

Al di là della mancanza di opportunità, gli attacchi grillini sono anche profondamente sbagliati da un punto di vista politico. Vorrei, infatti, ricordare che la difesa della cultura e dell’identità è sempre stata nel DNA della Lega, e a maggior ragione lo è in Sicilia, in cui gli uomini e le donne della Lega Salvini Premier sono esempi di cittadini per bene, di cultura e innamorati della propria terra, per il cui rilancio si impegnano quotidianamente e con competenza nell’interesse di tutti i cittadini”.

Inoltre – conclude la Tardino – in merito ai commenti sul gruppo della Lega all’Ars, inviterei piuttosto gli esponenti grillini a guardare in casa propria, dove tra tensioni, minacce e divisioni, la priorità è la ricerca di nuove sistemazioni per sfuggire al fallimento dell’azione politica di un gruppo ormai inesorabilmente avviato alla scissione. Noi, invece, pensiamo ai problemi della gente e alle misure da individuare per uscire tutti insieme da questa crisi sanitaria, che non è questione di partiti o colore politico, ma di serietà e responsabilità”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin