17 Aprile 2019 - Ultimo aggiornamento alle 22.07
Trapani

I risvolti dell'inchiesta

Loggia segreta a Castelvetrano, c’è anche un candidato sindaco

21 Marzo 2019

C’è anche il candidato sindaco di Castelvetrano e portavoce del Movimento Liberi e Indipendenti Luciano Perricone tra le persone arrestate nell’ambito dell’operazione “Artemisia” su corruzione e massoneria. Perricone si trova adesso agli arresti domiciliari.

Secondo quanto emergerebbe dall’inchiesta delle Procura di Trapani, l’ex deputato regionale Giovanni Lo Sciuto, considerato il fulcro dell’indagine, “dopo aver ‘governato’ tramite il sindaco Errante e il vice sindaco Chiofalo dal 2012 al 2017, raggiungevano un accordo con l’ex rivale politico Luciano Perricone, raggiunto da misura cautelare degli arresti domiciliari, finalizzato alla elezione del predetto alla carica di sindaco in occasione delle elezioni del 2017 (non tenutesi in considerazione del sopravvenuto commissariamento del Comune)”.

Il candidato sindaco di Castelvetrano è sostenuto da quattro liste civiche: pochi giorni fa aveva annunciato la sua candidatura con una lettera ai cittadini del comune del Trapanese spiegando che la città “ha bisogno di amministratori capaci, preparati, con curriculum eccellenti e conoscitori delle leggi che regolano la vita pubblica“. Nella lettera anche una promessa: “Nel nome della legalità e dei principi costituzionali ci muoveremo sempre“.

Castelvetrano andrà al voto il 28 aprile dopo due anni di commissariamento in seguito allo scioglimento per mafia.

LEGGI ANCHE:

Una loggia segreta a Castelvetrano, arrestati politici e colletti bianchi

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Effetto e Conseguenza

La gente si lascia trascinare nelle polemiche guardando l’effetto che si ha davanti agli occhi e non le cause che lo hanno prodotto, ossia le conseguenze che ci hanno portato a ciò. Penso al caso del campo nomadi...