Assoluzione sindaco di Messina, De Luca: "Anm difende casta" :ilSicilia.it
Messina

braccio di ferro dopo la sentenza

Assoluzione sindaco di Messina, De Luca: “Anm difende casta”

di
12 Gennaio 2022

“La nota diffusa ieri dalla sezione messinese dell’Anm è l’ennesima conferma del fatto che l’equilibrio tra il potere politico e quello giudiziario in questo Paese è completamente saltato. Un amministratore o un qualsiasi dipendente pubblico che sbaglia deve rendere conto al danneggiato, ma anche all’Ente di cui ha leso l’immagine, senza dimenticare i conseguenti provvedimenti disciplinari e gli interventi della Corte dei Conti”. Lo scrive il sindaco di Messina Cateno De Luca dopo la sua assoluzione dall’accusa di evasione fiscale e dopo aver annunciato iniziative giudiziarie nei confronti dei magistrati.

“Mentre – prosegue De Luca – se a sbagliare è un magistrato inquirente, questo viene difeso contro ogni evidenza, ed il danneggiato invece, secondo l’Anm di Messina, non deve permettersi di formulare un lamento e men che mai una critica. Sentirsi perseguitati dopo due arresti e 18 processi in 11 anni, che mi hanno visto assolto, non autorizzerebbe nessuno, secondo questi signori, a sentirsi perseguitato e tantomeno ad avere dubbi sulla buona fede di alcuni pm”.

“La nota della sezione messinese dell’Anm – continua – è la difesa d’ufficio di una casta che si ritiene intoccabile e, pertanto, si commenta da sé. Ciò che però non si può far passare è che il cittadino preso di mira da una infinità di azioni penali poi rilevatesi infondate non abbia il diritto di lamentarsene e di reagire. Quel che più mi fa pensare non è la reazione scomposta di chi non è abituato a dare conto dei propri errori, ma il silenzio complice e servile di tanti altri. Dove sono i paladini dei diritti costituzionali? Che fine hanno fatto le ‘anime belle’ che si scandalizzano guardando ai sistemi giudiziari di altri paesi? Che ne è stato del diritto di esprimere le proprie opinioni, dei diritti dell’imputato – a maggior ragione se assolto – e della stessa presunzione di innocenza? Tutti zitti. Alcuni per meschini calcoli politici, altri perché hanno troppi scheletri nell’armadio, altri ancora perché difendono i principi costituzionali solo se hanno un interesse personale da difendere”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin