Assunzioni alla MessinaServizi: volano stracci tra De Luca e Sciacca :ilSicilia.it
Messina

il sindaco contro il direttore regionale CpI

Assunzioni alla MessinaServizi: volano stracci tra De Luca e Sciacca

6 Novembre 2019

Volano stracci ed è botta e risposta, a suon di dure accuse, tra il sindaco di Messina, Cateno De Luca e Gaetano Sciacca, direttore del Centro regionale per l’impiego, cioè l’ex Collocamento.

Al centro dello scontro la pre-selezione dei 100 operatori alla Messina Servizi e le osservazioni presentate agli uffici di Via Dogali da alcuni candidati al bando, soprattutto ex borsisti della società che si occupa della raccolta rifiuti, che hanno contestato l’elenco stilato, anche perché convinti che l’aver già lavorato per conto dell’azienda potesse determinare il collocamento in posizione utile nella graduatoria provvisoria.

A innescare così la polemica un invito del primo cittadino a Sciacca a comunicare “Ai suoi uffici che bisogna rilasciare la ricevuta dei ricorsi/osservazioni dei soggetti che hanno fatto istanza per essere assunti a tempo determinato nella Messina Servizi e sono rimasti esclusi o scavalcati”. Immediata poi la replica di Sciacca: “In futuro non accadrà più che i miei uffici si mettano a disposizione di un’Amministrazione comunale guidata da un personaggio come l’attuale sindaco”.

Furiosa la controreplica di De Luca: Gaetano, ma che tuoi uffici? Ma cosa pensi che sono casa tua? Tu sei un pubblico impiegato. Chiedi scusa pubblicamente su quanto accaduto o farò presentare un’interrogazione parlamentare urgente e chiederò la tua rimozione per incompatibilità ambientale a Messina. Allo sportello non si fa e non esiste la verifica preventiva di ciò che si può presentare o non presentare. Come si può parlare così ad un sindaco? Un sindaco non può essere minacciato. Chiederò conto e ragione. Rispetto tutti ma pretendo altrettanto rispetto da tutti”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.