Assunzioni alle Poste: ottomila posti di lavoro :ilSicilia.it

Prevista selezione

Assunzioni alle Poste: ottomila posti di lavoro

di
9 Aprile 2020

Nuove assunzioni da parte del Gruppo Poste Italiane. Le candidature dovranno essere inoltrate per via telematica mentre i primi inserimenti avverranno a partire dal mese di maggio.

La nuova campagna di assunzioni rientra nel piano industriale del Gruppo per il quinquennio 2015-2020 che prevede circa otto mila nuovi posti di lavoro, di cui quattro mila riservati ai giovani.

Potranno candidarsi tutti coloro che sono in possesso di un diploma di maturità con votazione minima di 70 su 100 e una laurea triennale con un voto minimo di 102 su 110.

Inoltre, viene richiesto il possesso della patente B che abilita alla guida del moto mezzo aziendale, oltre all’idoneità psico-fisica alla mansione da svolgere che dovrà essere documentata con certificato medico rilasciato dall’Asl di appartenenza.

L’iter di selezione, invece, prevede una convocazione per la somministrazione di un test di ragionamento logico, un colloquio individuale e la prova pratica atta a verificare l’idoneità alla guida del moto mezzo aziendale a pieno carico di posta.

Tutti gli interessati alle assunzioni per portalettere potranno inoltrare la propria candidatura sul portale di Poste Italiane, alla sezione Lavora con noi allegando copia del diploma di maturità con la votazione conseguita.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin