Assunzioni alle Poste: ottomila posti di lavoro :ilSicilia.it

Prevista selezione

Assunzioni alle Poste: ottomila posti di lavoro

9 Aprile 2020

Nuove assunzioni da parte del Gruppo Poste Italiane. Le candidature dovranno essere inoltrate per via telematica mentre i primi inserimenti avverranno a partire dal mese di maggio.

La nuova campagna di assunzioni rientra nel piano industriale del Gruppo per il quinquennio 2015-2020 che prevede circa otto mila nuovi posti di lavoro, di cui quattro mila riservati ai giovani.

Potranno candidarsi tutti coloro che sono in possesso di un diploma di maturità con votazione minima di 70 su 100 e una laurea triennale con un voto minimo di 102 su 110.

Inoltre, viene richiesto il possesso della patente B che abilita alla guida del moto mezzo aziendale, oltre all’idoneità psico-fisica alla mansione da svolgere che dovrà essere documentata con certificato medico rilasciato dall’Asl di appartenenza.

L’iter di selezione, invece, prevede una convocazione per la somministrazione di un test di ragionamento logico, un colloquio individuale e la prova pratica atta a verificare l’idoneità alla guida del moto mezzo aziendale a pieno carico di posta.

Tutti gli interessati alle assunzioni per portalettere potranno inoltrare la propria candidatura sul portale di Poste Italiane, alla sezione Lavora con noi allegando copia del diploma di maturità con la votazione conseguita.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.