Assunzioni in Credem e UniCredit, Ugl Sicilia: "Bene ma non basta" :ilSicilia.it

1.500 posti in cinque anni

Assunzioni in Credem e UniCredit, Ugl Sicilia: “Bene ma non basta”

20 Giugno 2019

Non può che far parlare in positivo l’operato di  Banca Credem dal punto di vista della crescita occupazionale, il quale prevede  un  totale di 1.500 assunzioni in poco più di cinque anni, un aumento complessivo del Gruppo superiore all’11% con l’obiettivo del Gruppo  di inserire 150 nuove persone entro i prossimi 12 mesi, con la maggioranza dei posti destinati ai giovani.

“E’ un trend che merita il nostro plauso –  questo è quanto dichiara l’UGL Sicilia –  con particolare riferimento alla regione Sicilia, dove  il Credito Emiliano va decisamente controcorrente in un contesto sociale isolano di grande instabilità lavorativa e di precariato cronico”.

“E’ un esempio da seguire  ma non basta –  conclude l’UGL  Sicilia – considerato che le banche grazie ai loro utili dichiarati godono di buona salute, nella nostra isola c’è anche UniCredit che sta provando timidamente a fare assunzioni sul territorio, con i contratti di apprendistato professionalizzante e le assunzioni con contratto a tempo determinato, i cosiddetti stagionali,   della durata di tre mesi, comunque a nostro avviso  numeri ancora insufficienti a sopperire alla grave carenza di personale nelle filiali siciliane, per cui ci auspichiamo almeno  nella loro stabilizzazione”.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.