Assunzioni in Credem e UniCredit, Ugl Sicilia: "Bene ma non basta" :ilSicilia.it

1.500 posti in cinque anni

Assunzioni in Credem e UniCredit, Ugl Sicilia: “Bene ma non basta”

di
20 Giugno 2019

Non può che far parlare in positivo l’operato di  Banca Credem dal punto di vista della crescita occupazionale, il quale prevede  un  totale di 1.500 assunzioni in poco più di cinque anni, un aumento complessivo del Gruppo superiore all’11% con l’obiettivo del Gruppo  di inserire 150 nuove persone entro i prossimi 12 mesi, con la maggioranza dei posti destinati ai giovani.

“E’ un trend che merita il nostro plauso –  questo è quanto dichiara l’UGL Sicilia –  con particolare riferimento alla regione Sicilia, dove  il Credito Emiliano va decisamente controcorrente in un contesto sociale isolano di grande instabilità lavorativa e di precariato cronico”.

“E’ un esempio da seguire  ma non basta –  conclude l’UGL  Sicilia – considerato che le banche grazie ai loro utili dichiarati godono di buona salute, nella nostra isola c’è anche UniCredit che sta provando timidamente a fare assunzioni sul territorio, con i contratti di apprendistato professionalizzante e le assunzioni con contratto a tempo determinato, i cosiddetti stagionali,   della durata di tre mesi, comunque a nostro avviso  numeri ancora insufficienti a sopperire alla grave carenza di personale nelle filiali siciliane, per cui ci auspichiamo almeno  nella loro stabilizzazione”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.