Ast, autisti avrebbero sottratto incassi dei biglietti. 75 persone indagate :ilSicilia.it
Palermo

inchiesta partita dopo un esposto alla procura

Ast, autisti avrebbero sottratto incassi dei biglietti. 75 persone indagate

di
18 Febbraio 2018

75 autisti dell’Azienda Siciliana Trasporti (Ast) partecipata della Regione siciliana, che garantisce il trasporto tra i vari comuni, sono indagati per aver sottratto gli incassi dei biglietti venduti. I fatti risalgono ad un periodo compreso tra il 2015 e il 2016.

Gli autisti coinvolti si sono difesi sostenendo di aver tenuto i soldi come acconto sugli stipendi arretrati che non sono stati versati. L’inchiesta è cominciata dopo un’esposto del Cda alla Procura, dopo che il collegio dei revisori ha trovato un ammanco di 170 mila euro nei conti.

L’esposto, presentato nei mesi scorsi, è stato seguito dal sequestro di materiale contabile da parte della Guardia di Finanza. Sugli ammanchi, oltre all’indagine della Procura, ci sarebbe anche un’indagine interna dell’azienda.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.