Astronomia: scienziati contro la chiusura del polo Gal Hassin di Isnello :ilSicilia.it
Palermo

non ha più fondi

Astronomia: scienziati contro la chiusura del polo Gal Hassin di Isnello

di
5 Ottobre 2021

Per la sua nascita si erano battuti i nomi più importanti dell’astrofisica italiana, da Margherita Hack a Nicola D’Amico. Il polo astrofisico Gal Hassin di Isnello, nelle Madonie, rischia ora di fermare la sua ricerca e di disattivare i suoi telescopi. Non ha più fondi per proseguire un’attività che ha richiamato l’interesse di molti scienziati.

Il presidente del polo, Pino Mogavero, ha lanciato un appello sottoscritto da tanti scienziati perché le istituzioni pubbliche intervengano per assicurare la sopravvivenza della struttura inaugurata nel settembre 2016. Il Gal Hassin ha solo un anno di autonomia. Poi, dice Mogavero nel documento, “verrà a mancare un formidabile presidio di cultura nella nostra Regione“.

“Si ebbe a dire – ricorda – il giorno della sua inaugurazione: il Gal Hassin è nato come operazione di cultura e di conoscenza, contro la diffusa ignoranza ed è la nostra lupara contro la mafia”. Tanti sono stati i riconoscimenti e tante le iniziative per dotare il polo di strumenti ad alta tecnologia come il Wide-field Mufara Telescope (Wmt), un telescopio innovativo e prototipo mondiale, già installato sulla cima di Monte Mufara (Madonie) e in fase di collaudo. L’Agenzia spaziale europea (Esa) collocherà presto, sempre su Monte Mufara, il suo telescopio, uno strumento di nuova concezione e anch’esso un prototipo mondiale, denominato Neostel Fly-eye. Per proseguire questa attività occorrono finanziamenti pubblici, che sono finora mancati nella misura necessaria, dato che gli incassi per le visite organizzate non bastano a pagare neppure gli stipendi dei dipendenti. L’appello di Mogavero è stato sottoscritto da molti esponenti del mondo scientifico tra cui Michel Mayor, premio Nobel per la Fisica 2019, giornalisti scientifici, ricercatori, osservatori astrofisici, l’ex presidente dell’Agenzia spaziale italiana, Roberto Battiston. “Dietro la realtà del Gal Hassin – dice Mogavero – vi è una storia di grandi passioni, di sofferenze e di difficoltà inimmaginabili, di impegni resi in maniera gratuita e senza tener conto di appartenenze ‘politiche’, di relazioni nazionali e internazionali costruite. E non sarà per niente facile riprendere questo ragionamento”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin