Asu, nessuna stabilizzazione all'orizzonte: dalla Commissione solo promesse di proroga :ilSicilia.it

La delusione dei sindacati

Asu, nessuna stabilizzazione all’orizzonte: dalla Commissione solo promesse di proroga

di
4 Aprile 2018

Una proroga fino al 2021. È questa la proposta più realistica emersa oggi in Commissione lavoro all’Ars durante la seduta dedicata alle problematiche vissute dai circa 5.200 lavoratori Asu della Sicilia. Nessuna stabilizzazione all’orizzonte, quindi, ma un nuovo stanziamento di risorse in finanziaria che consentirebbe di continuare ad erogare i sussidi per altri due anni. Una proposta però che non risolve il problema e non soddisfa i sindacati. Buone notizie invece per quanto riguarda l’erogazione dei sussidi. L’Inps ha comunicato che continuerà ad effettuare il servizio di pagamento nelle more che sia definita la controversia sul maxi credito di 140 milioni di euro vantato nei confronti della Regione Siciliana.

Per Francesco Mallia dell’Associazione Asu Sicilia, Vito Sardo e Mario Mingrino del Csa Dipartimento Asu “riproporre l’ennesima proroga in finanziaria sarebbe come annunciare l’ennesima sconfitta. Non è questa la soluzione che ci aspettiamo dal governo siciliano e dall’Assemblea regionale dopo 20 anni di precariato, ma un piano concreto di stabilizzazioni per tutti i 5 mila lavoratori, siano essi del privato sociale o degli enti locali, come peraltro prevede la legge. No a soluzioni parcheggio”.

“Apprezziamo la disponibilità manifestata dal presidente Sammartino – aggiungono – e dagli altri componenti della Commissione per la presentazione di una serie di emendamenti in finanziaria”. Si tratta di provvedimenti che dovrebbero agevolare la fuoriuscita dei lavoratori dal bacino e la loro ricollocazione. Su quest’ultimo punto però il Csa precisa: “non condividiamo la posizione della dirigente generale del Dipartimento lavoro, Dottoressa Garoffolo, secondo la quale l’Assessorato non sarebbe l’istituzione deputata al ricollocamento dei lavoratori presso altri enti. A nostro avviso, invece, se c’è qualche ente che dovrebbe occuparsi della questione quello è proprio l’Assessorato al lavoro ed in particolare il Dipartimento da lei diretto”.

Anche l’Fp Cgil chiede certezze sulla stabilizzazione. “La priorità per la Regione e per l’assessore Mariella Ippolito – dice Clara Crocèdeve essere liberare i lavoratori dalle cooperative. Infatti, abbiamo chiesto al dirigente generale qual è la norma che legittima la sottoscrizione di protocolli tra le coop e la pubblica amministrazione siciliana per l’utilizzo dei lavoratori. Adesso auspichiamo che l’assessore regionale al lavoro posso aprire un tavolo tecnico finalizzato alla stabilizzazione dei lavoratori impegnati in attività socialmente utili”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.