Ati Messina, Russo spinge per i sub-ambiti: "Presto un emendamento all'Ars" :ilSicilia.it
Messina

la proposta avanzata in IV Commissione

Ati Messina, Russo spinge per i sub-ambiti: “Presto un emendamento all’Ars”

di
26 Aprile 2019

Per ottimizzare la gestione delle risorse idriche nella provincia di Messina ho proposto che vengano istituiti e resi operativi dei sub-ambiti, in modo da gestire tutti i vari territori nel modo migliore”. Lo afferma il sindaco di Castelmola, Orlando Russo, nella qualità di presidente ad interim dell’Ati Messina. Russo spinge per una soluzione risolutiva, sull’onda di quanto ha evidenziato nei giorni scorsi in audizione davanti alla IV Commissione dell’Assemblea regionale siciliana per fare il punto sulla situazione dell’Assemblea territoriale idrica e la relativa gestione del servizio in ambito provinciale.

“La provincia di Messina comprende 108 Comuni e alcuni di questi confinano con le province di Enna, Catania e Palermo, e ci sono anche le isole, nel contesto quindi di un vasto territorio che è molto complesso da gestire e che ha nelle sue varie zone differenti situazioni e diverse peculiarità – ha spiegato Russo -. Non c’è omogeneità e il problema va affrontato. Per questo nella mia recente audizione a Palermo ho proposto che vengano previsti dei sub ambiti nella provincia di Messina, in modo da gestire il territorio zona per zona”.

“La Quarta Commissione ha preso atto di questa mia proposta e adesso proporrà un emendamento per far diventare questa soluzione una vera e propria normativa“, aggiunge Russo, che in questo contesto da vicepresidente ha assunto la prima carica dell’ente, che sinora era stata occupata dal sindaco del Comune di Mistretta. Russo ha inteso insomma prospettare una soluzione che possa dare una svolta in un settore strategico nel quale bisogna evitare disagi e disservizi nei vari territori del Messinese.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.