Atletica - Castelbuono, presentato il 94° "Giro podistico di Castelbuono" :ilSicilia.it
Palermo

L'EVENTO AI NASTRI DI PARTENZA

Atletica – Castelbuono, presentato il 94° “Giro podistico di Castelbuono”

15 Aprile 2019

Venerdì 12 aprile 2019 si è svolta la presentazione del 94° “Giro podistico internazionale di Castelbuono“, organizzato dal Gruppo Atletico Polisportivo Castelbuonese ed in programma per il prossimo 26 luglio nella città Madonita. La presentazione si è svolta nella sala Falcone – Borsellino dell’Assessorato regionale al Turismo a Palermo, alla presenza dell’assessore allo Sport della Regione Siciliana, Sandro Pappalardo, del presidente del Gruppo Atletico Polisportivo Castelbuonese, Antonio Castiglia, e l’assessore allo sport del comune di Castelbuono, Dario Guarcello.

Il presidente del comitato organizzatore, Antonio Castiglia, relativamente ad una possibile affiliazione con la Federazione Internazionale di Atletica, ha dichiarato che l’evento “è pronto a vestire il marchio IAAF per quanto riguarda le “gare storiche”, la richiesta da parte degli organizzatori è già partita, l’ufficializzazione non dovrebbe tardare ad arrivare“.

Il percorso si snoderà sul circuito storico all’interno del Comune di Castelbuono, con partenza ed arrivo in piazza Margherita, su un circuito da ripetere cinque volte per un totale di 11,3 km. L’evento ha visto partecipare, nella scorsa edizione, atleti da ventidue nazioni diverse, con venticinquemila spettatori presenti sulle strade del comune madonita a far da cornice ad un evento che, sul piano del running, è un appuntamento internazionale da non perdere.

Si è detto molto soddisfatto, a proposito dell’organizzazione dell’evento, l’assessore regionale allo Sport, Sandro Pappalardo, il quale ha dichiarato: “Un evento, quello di Castelbuono, che già a partire dal 2020 potrebbe entrare a fare parte del ristretto numero di manifestazioni d’interessa turistico, che la regione siciliana intende promuovere nel Mondo – ha affermato l’assessore Pappalardo.  Cinquanta gli eventi big, a loro fianco un altro cospicuo numero di eventi “di serie A1” da promuovere tramite opuscoli e brochure ad ogni latitudine. “Un paese, quello di Castelbuono, unico nel suo genere, per quella capacità che ha di organizzare eventi unendo il pubblico con il privato”.

A fare da coro alle dichiarazioni dell’assessore Pappalardo, si pone l’assessore allo sport di Castelbuono Dario Guarcello: “a Castelbuono abbiamo la fortuna di organizzare manifestazioni su manifestazioni, che seppur differenti nei generi rimangono legate tutte tra loro ed ognuna per così dire riesce a promuovere ed a tirare la successiva, in un circolo virtuoso“.

Logo Castelbuono
Il Logo del “Giro Podistico di Castelbuono”.

La prima novità dell’evento è il nuovo manifestato, presentato dall’ideatore Mario Norata, il quale ha dichiarato che “Il manifesto di questa 94esima edizione guarda alla continuità e mira a sintetizzare al massimo quello che vuole comunicare il giro, la strada, la dinamicità, l’internazionalità. Continuità anche nella scelta dei colori, il giallo predominante, colore vivace che ben rappresenta la nostra terra e il nero rappresentato dalla scritta ben visibile e dalla figura stilizzata di un atleta. La linea guida è  ancora la strada, dove è nato e dove si corre ancora il Giro, un segno di continuità, tra passato e futuro”.

Altra novità riguarda il vestiario degli atleti, il quale sarà volutamente vintage in omaggio alla storicità della corsa podistica siciliana. Rimane una certezza invece la diretta TV della RAI la quale, come lo scorso anno, coprirà tutto lo svolgimento dell’evento sul suo canale tematico Rai Sport.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.