Atletica: correre a distanza ma connessi, nasce "Sicilia Virtual Running" :ilSicilia.it

PROLOGO IL 17 MAGGIO

Atletica: correre a distanza ma connessi, nasce “Sicilia Virtual Running”

7 Maggio 2020

Continuare a coltivare la passione per la corsa gareggiando da soli e a distanza, ma al contempo vicini grazie al supporto della rete.

Da questa premessa nasce “Sicilia Virtual Running”, un circuito di gare virtuali nato da una intuizione di Cinzia Sonsogno, e sposato dalla testata giornalistica on-line Siciliarunning. Un team composto anche da Michele Amato (direttore della testata on line), Alessandro Giambra (responsabile del sistema del cronometraggio) e Michele Gruttadauria (speaker e “narratore” degli eventi).

In un momento contraddistinto dall’emergenza coronavirus, che ha visto la cancellazione di diversi eventi podistici e non solo, anche il mondo delle long distance races è stato chiamato ad adattarsi ai tempi.

L’EVENTO

Il circuito infatti offre agli appassionati di running, la possibilità di partecipare da remoto a vere e proprie sfide di podismo. I concorrenti, che parteciperanno in solitaria e seguendo sempre le normative del distanziamento sociale, potranno scegliere se gareggiare in modalità outdoor o su tapis roulant.

Un evento a carattere ludico, aggregativo e non competitivo, che ha anche lo scopo di promuovere i territori che “ospiteranno” virtualmente gli eventi. Durante le manifestazioni, verranno diffuse immagini, video ed interviste tramite una diretta streaming su Facebook.

A fine “corsa” ogni podista, regolarmente iscritto, invierà ad un gruppo Whatsapp creato per l’occasione, la foto del suo GPS con chilometri percorsi, data e crono. Sulla base dei dati inviati, verrà redatta la classifica finale. Anche il pacco gara sarà virtuale, con il pettorale inviato tramite social network e con dei premi sorteggiati fra i partecipanti.

Inoltre, vi sarà la possibilità di sostenere economicamente la lotta al coronavirus, grazie ad una parte della quota di iscrizione che sarà devoluta in beneficenza.

PROLOGO IL 17 MAGGIO, PARTENZA IL 24 “DA CAPO D’ORLANDO”

Si comincia domenica 24 maggio con la “Capo d’Orlando #runforpassion virtual race (10 km), una virtual in luogo di quella “reale” che era in programma sabato 23 maggio e che, organizzata dalla Podistica Capo d’Orlando, prevedeva anche la distanza della mezza maratona.

Seguiranno, con cadenza settimanale altri eventi su distanze diverse. Ad esempio, il 31 maggio si “correrà” a Palma di Montechiaro una mezza maratona, promossa dal GS Valle dei Templi. Alle società che aderiranno sarà data anche l’opportunità di promuovere l’edizione “reale” della propria manifestazione.

Prologo del circuito sarà l’evento “Correndo Andrà tutto bene”, sulla distanza di 7 km e in programma domenica 17 maggio. Una prova generale, buona per limare i dettagli e proiettarsi tutti insieme verso l’avventura di  Sicilia Virtual Running.  A breve sarà pubblicato regolamento generale e quello specifico per le iscrizioni alle singole gare.

 

 

 

LEGGI ANCHE

Crisi da coronavirus, l’appello dello sport siciliano alle istituzioni | VIDEO

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.