Attentato a Istanbul, 35 morti. A sparare due uomini vestiti da Babbo Natale :ilSicilia.it
Palermo

In un night club del quartiere Besiktas 35 vittime e circa 40 feriti

Attentato a Istanbul, 39 morti. [Gallery Foto]

1 Gennaio 2017

 

Il primo giorno del 2017 si apre con la drammatica notizia dell‘attentato a Istanbul, nel quartiere europeo Besiktas della città turca. Ad essere colpito un night club, il Reina, assalito da due uomini muniti di  kalashnikov e travestiti da Babbo Natale che hanno sparato all’impazzata davanti a circa 600 persone. Alcun blog locali avrebbero mostrato in azione un uomo nelle vesti di Santa Claus.

Il bilancio attuale, secondo quanto afferma Vasip Sahin, governatore della provincia di Istanbul, è di 39 persone uccise e quasi di 70 feriti, alcuni gravi. Secondo Sahin ad effettuare l’attacco sarebbe stato un unico assalitore, diversamente invece riporta la stampa locale secondo cui a causare la strage sarebbero state due uomini ed uno dei due si sarebbe rifugiato proprio all’interno del locale Reina per eludere l’intervento dalle forze dell’ordine che avevano intanto circondato il locale. Molti, per salvarsi, si sarebbero gettati nelle gelide acque del Bosforo.

Secondo la tv locale modenese Trc – Telemodena, ci sarebbero stati anche dei ragazzi palermitani ad assistere all’attentato: dopo gli spari si sarebbero gettati a terra ed alcuni di loro avrebbero portato leggere escoriazioni durante la ressa nel panico. I siciliani sarebbero stati in compagnia di altri amici provenienti da Modena e Brescia, tutti in Turchia per lavoro. Gli italiani che sono scampati all’attentato preferiscono però restare anonimi; secondo loro gli spari sarebbero arrivati dalla scala della pista centrale del night club e anche dal piano superiore dove si trova un ristorante giapponese.

Il contributo per video e foto è di Piero Valenti che si trova sul luogo dell’attentato.

Tag:
Cultura
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.