Attentato a Istanbul, 35 morti. A sparare due uomini vestiti da Babbo Natale :ilSicilia.it
Palermo

In un night club del quartiere Besiktas 35 vittime e circa 40 feriti

Attentato a Istanbul, 39 morti. [Gallery Foto]

di
1 Gennaio 2017

 

Il primo giorno del 2017 si apre con la drammatica notizia dell‘attentato a Istanbul, nel quartiere europeo Besiktas della città turca. Ad essere colpito un night club, il Reina, assalito da due uomini muniti di  kalashnikov e travestiti da Babbo Natale che hanno sparato all’impazzata davanti a circa 600 persone. Alcun blog locali avrebbero mostrato in azione un uomo nelle vesti di Santa Claus.

Il bilancio attuale, secondo quanto afferma Vasip Sahin, governatore della provincia di Istanbul, è di 39 persone uccise e quasi di 70 feriti, alcuni gravi. Secondo Sahin ad effettuare l’attacco sarebbe stato un unico assalitore, diversamente invece riporta la stampa locale secondo cui a causare la strage sarebbero state due uomini ed uno dei due si sarebbe rifugiato proprio all’interno del locale Reina per eludere l’intervento dalle forze dell’ordine che avevano intanto circondato il locale. Molti, per salvarsi, si sarebbero gettati nelle gelide acque del Bosforo.

Secondo la tv locale modenese Trc – Telemodena, ci sarebbero stati anche dei ragazzi palermitani ad assistere all’attentato: dopo gli spari si sarebbero gettati a terra ed alcuni di loro avrebbero portato leggere escoriazioni durante la ressa nel panico. I siciliani sarebbero stati in compagnia di altri amici provenienti da Modena e Brescia, tutti in Turchia per lavoro. Gli italiani che sono scampati all’attentato preferiscono però restare anonimi; secondo loro gli spari sarebbero arrivati dalla scala della pista centrale del night club e anche dal piano superiore dove si trova un ristorante giapponese.

Il contributo per video e foto è di Piero Valenti che si trova sul luogo dell’attentato.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.