Attentato ad Antoci? "Tracce di mafia in questa vicenda non ce ne sono" | VIDEO INTERVISTA :ilSicilia.it

conferenza stampa all'ars

Attentato ad Antoci? “Tracce di mafia in questa vicenda non ce ne sono” | VIDEO INTERVISTA

di
8 Ottobre 2019

Guarda la video intervista in alto

Numerosi, troppi, i dubbi e le omissioni, a volte anche qualche imbarazzo, in merito al caso del presunto attentato a Giuseppe Antoci, nella relazione stilata dalla commissione Antimafia dell’Ars. Oggi il presidente Claudio Fava ha convocato una conferenza stampa a Palazzo dei Normanni. Presenti anche i consulenti, Bruno Di Marco, ex presidente del Tribunale di Catania, e Tuccio Pappalardo ex direttore nazionale della Dia che hanno partecipato ai lavori delle 23 audizioni sul caso Antoci. 

Una frase lapidaria afferma il presidente Fava oggi durante la conferenza stampa: “Tracce della mafia, non ce ne sono. In questa vicenda“. Ma non è il solo, ad affermarla anche la procura di Messina che ha archiviato il caso.

23 i punti interrogativi che elenca Di Marco in merito a questa vicenda: “Il mancato ritrovamento dei bossoli sparati dagli attentatori. Non vi è prova di un conflitto a fuoco”. “Gli attentatori come sono riusciti a scappare? ” La polizia scientifica di Roma non riesce a trarre una conseguenza. Le bottiglie incendiarie che sono state ritrovate nella statale “non hanno alcun senso“. “Di questi dubbi non abbiamo traccia della richiesta di archiviazione“. Afferma Di Marco.

Numerosi sono i dubbi da parte anche degli ex funzionari che hanno risposto ai giornalisti: “Nessuno ha preso in considerazione il fatto che l’attentato è stato compiuto in una strada statale, che andava interrotta nel momento esatto e in entrambe le carreggiate. L’attentato sarebbe avvenuto quindi senza questi presidi e ciò ci spinge a qualche dubbio. E ancora, il sindaco Calì dice di non avere avvertito alcuna preoccupazione quella sera e tanto meno ha parlato di ‘vedette’. Di ‘vedette’ parla di sua iniziativa solo il dottor Manganaro, poi in sede di audizione ammette di avere usato quel termine impropriamente. Il maresciallo Lo Porto, sulla ‘caratura criminale’ delle persone indagate, parla di gente incapace persino di fare un furto di vitelli“. Continua Di Marco.

Il commissariato di Sant’Agata sta all’attentato di Antoci come starebbe il commissariato di Mondello all’attentato dell’Addaura. In un episodio del genere, la prassi vuole che si attivino tutti gli strumenti investigativi presenti sul territorio nazionale. E immediatamente sul territorio, non da Roma e dopo due anni. Abbiamo chiesto a chi avviò le indagini e le risposte sono quelle registrate da questa relazione“. Afferma Fava.

Dubbi anche da parte di Pappalardo: “E’ stato emesso un decreto di archiviazione. Ma se mi limito alla prima fase, l’isolamento di quei luoghi, la scarsa luce di quei luoghi, hanno un linguaggio muto: le voci dei fatti non hanno prodotto nessun effetto. Ma avrebbero meritato semmai ulteriori approfondimenti. E l’archiviazione mi fa pensare che quei fatti non sono stati tenuti nella debita considerazione. Io avrei approfondito quei fatti sul piano investigativo. Questa vicenda, proprio sulla base del piano investigativo, avrebbe meritato un maggiore approfondimento“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.