Attentato di Berlino, c'è un palermitano tra i feriti. Festeggiava l'anniversario di matrimonio | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

I tre italiani sono stati dimessi dagli ospedali dove erano stati ricoverati

Attentato di Berlino, c’è un palermitano tra i feriti. Festeggiava l’anniversario di matrimonio

21 Dicembre 2016

C’è un palermitano tra gli italiani rimasti feriti nel corso dell’attentato al mercatino di natale a Berlino. L’uomo si trovava nella capitale tedesca per festeggiare l’anniversario di matrimonio insieme alla moglie.

Ho visto la morte in faccia. Siamo miracolati. Ho sentito il rombo del tir e ho capito che stava accadendo qualcosa di grave”. Lo dice all’ANSA Giuseppe La Grassa, 34 anni, palermitano, rimasto ferito nell’attentato di Berlino dove si trovava con la moglie Elisabetta Ragno. La coppia è tornata ieri sera a Palermo. La Grassa ha 25 punti di
sutura in faccia e dev’essere operato.

Altri tre italiani sono rientrati in Italia e già sono stati dimessi dagli ospedali dove erano stati ricoverati. Il totale dei feriti è di 48 persone. Intanto sono stati trovati dei documenti sotto il sedile lato guida del camion che ha colpito la folla a Breitscheidplatz: l’attentatore potrebbe essere un uomo colpito da un provvedimento di espulsione, che poi è proprio il documento trovato dagli inquirenti che precisano: “è emesso per un un cittadino tunisino di nome Anis A., nato nel 1992 nella città di Tataouine” come cita il quotidiano Der Spiegel. Gli investigatori sono riusciti a ricostruire la dinamica dell’attentato: il camion sarebbe arrivato da Budapester Strasse e avrebbe investito le persone presenti con un atto deliberato. Ha poi circa 80 metri all’interno del mercato prima di scontrarsi con alcune strutture in legno e stand di prodotti natalizi, dove poi si è stoppato. A bordo del camion c’era un uomo alla guida che risulta essere ancora ricercato dalla polizia e un passeggero trovato morto a causa di un colpo di arma da fuoco.

 

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.