Attenti ai tagli fuori moda :ilSicilia.it

Siamo tutti presenti, può iniziare il solito talk-show ante litteram generato dalla lettura a voce alta dei titoli

Attenti ai tagli fuori moda

di
3 Marzo 2017

Carissimi,

è passato un mese e quindi è d’obbligo l’appuntamento con il barbiere. Grazie ancora per esser tornati a trovarmi qui, facendomi risparmiare del tempo prezioso poiché come raccontatovi questo per me è un “momento sacro”, nel quale mi rilasso.

Ho soltanto cinque minuti di tempo per preoccuparmi della sua assenza prima che giunga con la sua lenta cadenza l’attempato Rag. Lo Stimolo, il quale salutati i presenti, riposto il cappello, la sciarpa, il cappotto e il bastone nell’apposito porta abiti, si accomoda indossando i suoi occhiali per la lettura da vicino iniziando a sfogliare il quotidiano.

Siamo tutti presenti, può iniziare il solito talk-show ante litteram generato dalla lettura a voce alta dei titoli e al successivo commento dei clienti in attesa (buona parte dei quali avete imparato a conoscere nei mesi scorsi) il tutto moderato da Salvatore mentre taglia i capelli alla persona di turno.

Vi ho più volte detto che gli abitudinari astanti del tradizionale barbiere sono o persone in età o gente semplice, ma di un umor superiore alla media e che sotto le forbici si è tutti uguali e quindi ci si può permettere di imbastire discussioni prescindendo da qualunque titolo di studi e ruolo nella società, perché dal barbiere tutto è permesso.

Così il Rag. Legge a voce alta il primo titolo “Kim Jong-un continua con i suoi esperimenti nucleari”, il signor Mario, aiuto fruttivendolo ambulante, come al solito seduto tra di noi, non in qualità di cliente, ma nell’attesa dell’orario per tornare a casa si rivolge a Salvatore  chiedendo: “Salvatore, ma i capiddri a chistu ci i tagghi tu? Ci i tagghiasti cu u cicaruni?

Salvatore senza alzare gli occhi dalla testa del cliente e non cadendo nella provocazione risponde: “Va bene che è testa vacanti comu a tia, ma io sti tagghi fazzu?”.

A questo punto interviene il Sig. Michele, portiere custode dello stabile accanto che redarguisce l’amico fruttivendolo dicendo: “Certo che stu gnucculuni avi a fari succediri qualche guaio. U patri si che era un bravu cristianu”.

Si intromette anche Salvatore per correggere: “U patri? Incalza il Rag. Lo Stimolo “Il Patri”. Interviene il Sig. Michele “scusate, va bene che ho la quinta elementare fatta a tri vuoti ma in siciliano è chiaro ….. u patri”.

Risponde il ragioniere “il patri, un figghiu, nam frati”.

Il signor Mario non certo intellettuale e con poche certezze lessicali interviene preoccupato “nun ni sta capiennu più niente”.

Il Rag. a questo punto con la pazienza della saggezza abbassa il giornale e spiega “allura, in famigghia si chiamano tutti Kim Jong. U patri era Kim Jong-il, u gnucculuni è Kim Jong-un e u frati chiddru che ammazzaru l’atru iornu si chiamava Kim Jong-nam”.

Si intromette anche Salvatore per dire la propria “certo ragioniere che lei è enciclopedico, non comu dru gnurantuni di Micheli? A proposito Michè ma unni u liggisti che u patri era un bravo cristiano? Nno Selezione?

Risponde  il ragioniere “Miii u Selezione dal Reader’s Digest, avica. Ma Salvatore dunni ti viennu sti pinsieri?

Risponde Salvatore “vassia su ricorda che arrivava ca posta senza che nessuno l’aveva ordinato e poi vulianu i picciuli?”

La discussione a questo punto si fa imbarazzante e in sala piomba per qualche istante un silenzio tombale fin quando il sig. Michele fattosi coraggio risponde: “che u patri era un bravu cristianu, me lo disse mio cugino del sindacato, u canusciti, chiddru che è ntisu comu Ciù En-lai (Zhou Enlai). E poi scusate ma sicuru che i Selezione si pagavanu? Nunn’erano gratis? Io n’aiu n’armadiu chinu e nun c’aiu datu mai na lira”.

Il caro Salvatore sempre intento a tagliare i capelli del cliente, voltatosi verso il sottoscritto mi fa un cenno senza proferire parola, del tipo “dottore non ci facesse caso”, mentre  il Rag. Lo Stimolo senza distogliere gli occhi dal giornale, storcendo la bocca disfiziato sentenzia: Minchia! Palermo Capitale della Cultura e della Legalità.

Un abbraccio, Epruno.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin