Atti persecutori verso una donna, arrestati fratello e sorella a Bagheria :ilSicilia.it
Palermo

IL FATTO

Atti persecutori verso una donna, arrestati fratello e sorella a Bagheria

di
21 Agosto 2021

La Polizia di Stato ha tratto in arresto, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP presso il Tribunale di Termini Imerese, due fratelli, 39enne lui e 31enne lei, entrambi con pregiudizi di polizia, poiché ritenuti responsabili, in concorso, del reato di atti persecutori nei confronti di una donna con la quale il 39enne, aveva instaurato una relazione affettiva.

Il procedimento ha avuto origine principalmente dalle dichiarazioni rese dalla vittima nel corso delle numerose denunce, nonché da dichiarazioni fornite da altre persone informate sui fatti e da riscontri effettuati sui tabulati telefonici relativi alle utenze in uso ai due fratelli.

La donna ha raccontato ai poliziotti del Commissariato di P.S. “Bagheria” di aver intrattenuto, per alcuni mesi, una relazione sentimentale con l’uomo, (che già aveva palesato la sua natura violenta) e che al termine della stessa, avvenuta nel marzo scorso, era iniziato il suo calvario; infatti i due fratelli si erano resi responsabili di minacce, violenze fisiche e verbali, pedinamenti e inseguimenti, offese alla sua dignità, anche in luoghi pubblici, innumerevoli chiamate effettuate sia di giorno che di notte, minacce di ritorsioni ove non fossero ritirate le denunce a loro carico e lesioni.

I poliziotti del Commissariato di P.S. hanno avviato un’attività di indagine che, in breve tempo, avrebbe consentito di appurare come non fossero mancati episodi violenti durante la loro relazione e come tali episodi fossero diventati di “routine” dopo la fine della loro storia. L’uomo, infatti, non rassegnatosi alla fine del loro rapporto, ed in concorso con la sorella, avrebbe reso la vita impossibile alla vittima: molestie, violenze fisiche e verbali, minacce, realizzate con molteplici forme e modalità ne hanno turbato la serenità personale e quella delle persone che le vivono accanto.

Tra i vari episodi persecutori la donna ha raccontato di un episodio avvenuto, in presenza di amici, presso un locale bagherese. In quella circostanza, fu vittima di un’aggressione fisica da parte dell’ex compagno che, nell’occorso si scagliò contro i poliziotti intervenuti aggredendoli e minacciandoli.

I due fratelli rintracciati dai poliziotti del Commissariato di P.S., presso un esercizio commerciale bagherese, si trovano reclusi presso l’Istituto Penitenziario “Pagliarelli” di Palermo.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin