Attilio Licciardi (Pd): "Un partito rinnovato in discontinuità con il passato" | Video intervista :ilSicilia.it

a breve verrà sciolto il nodo del segretario regionale

Attilio Licciardi (Pd): “Un partito rinnovato in discontinuità con il passato” | Video intervista

di
22 Giugno 2019

 

Guarda la video intervista in alto

Abbiamo intervistato Attilio Licciardi, componente dell’Assemblea Nazionale del Pd, e candidato alle scorse elezioni europee del 26 maggio. Fra i principali temi che abbiamo trattato durante l’intervista: il lavoro del Partito Democratico in Sicilia e a Palermo basato sul netto taglio con il passato e riprendendo i temi legati al lavoro, l’istruzione e la salute, pensando si all’accoglienza, argomento che oggi tiene banco, ma non dimenticandosi di riprendere il contatto con il territorio, per questo “il Pd a Palermo si sta muovendo sulla spinta dell’auto organizzazione dei circoli territoriali” afferma Licciardi, tra gli atri temi trattati nel corso dell’intervista anche il rinnovamento della segreteria regionale.

Zingaretti ha portato un cambiamento positivo dentro il PD – afferma Licciardi che aggiunge – dimostrazione ne è l’inversione di tendenza che c’è stata in queste ultime elezioni europee dove il Partito ha recuperato una parte dei voti“.

La mozione di Zingaretti che ha avuto ampio successo in Sicilia e a Palermo è fondata su due pilastri: l’unità di mettere insieme tante culture, di fare un partito pluralista e di rendere il Pd la casa di tutti sta producendo dei risultati importanti, speriamo che questa scelta abbia un effetto positivo anche in Sicilia dove siamo in attesa di introdurre elementi forti di discontinuità, ed ecco il secondo pilastro, con una gestione del passato che ha lasciato molto a desiderare” dichiara Licciardi.

Il Pd a Palermo si sta muovendo sulla spinta dell’auto organizzazione dei circoli territoriali che da un anno, anche in assenza di una direzione politica forte a livello provinciale e regionale, si sono riorganizzati attraverso la promozione di una serie di iniziative sia elettorali che programmatiche che hanno messo insieme coloro che sono impegnati territorialmente nella città e che sta vedendo il coinvolgimento anche dei consiglieri comunali e dei rappresentanti delle istituzioni” spiega Attilio Licciardi.

Si cerca di ricominciare dai temi, sicuramente Palermo sul tema dell’accoglienza e della cultura è all’avanguardia, ma su altri temi questa Amministrazione deve fare uno scatto in avanti, deve lavorare di più, deve essere maggiormente collegata con il territorio e credo che in questo un partito democratico rinnovato e rafforzato può dare una mano alla città di Palermo“.

Il Pd si sta riorganizzando e a breve verrà sciolto il nodo del segretario regionale “Risolto questo – afferma il componente dell’Assemblea Nazionale del Pd – penso che possiamo ripartire con grande impegno, la mia presenza e risultato alle elezioni europee ci dice che le persone premiano coloro che dimostrano di sapere lavorare e che possono rappresentare un rinnovamento e un taglio con il passato” ha concluso Licciardi.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.