Attività Direzione regionale Vigili del Fuoco Sicilia, conclusa l'esercitazione internazionale "ModEx Sicily 2019" :ilSicilia.it

Dal 16 al 19 luglio

Attività Direzione regionale Vigili del Fuoco Sicilia, conclusa l’esercitazione internazionale “ModEx Sicily 2019”

19 Luglio 2019

Dal 16 al 19 luglio, si è svolta l’esercitazione internazionale “ModEx Sicily 2019”, progettata e realizzata dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, sotto l’egida della Commissione Europea, con la collaborazione dal Dipartimento della Protezione Civile Nazionale, della Protezione Civile della Regione Siciliana, dell’Assessorato dei Beni Culturali e della Identità Siciliana e delle amministrazioni dei Comuni di Poggioreale (TP) e Montevago (AG).

L’esercitazione si è svolta presso i ruderi di Poggioreale Antica (TP) e presso il vecchio centro di Montevago (AG), nel territorio della valle del Belìce, colpito dal tragico terremoto del 1968, quindi non in uno scenario realistico costruito “ad hoc”, ma in una reale zona rossa terremoto.

L’esercitazione ha permesso di testare il meccanismo unionale di Protezione Civile in caso di evento sismico ed in particolare la capacità di dispiegamento, di ricerca e soccorso e di interoperabiltià di 5 squadre specializzate nella ricerca e soccorso in ambito urbano (U.S.A.R. – Urban Search and Rescue), provenienti da Marocco, Israele, Inghilterra, Repubblica Ceca e Francia, per un totale di 180 soccorritori.

Per 48 ore consecutive hanno partecipato 110 Vigili del Fuoco con funzioni di regia complessiva, logistica e safety, nonché 30 volontari di protezione civile,  impegnati come “figuranti” con la funzione di “vittime” da soccorrere. Ha partecipato anche il personale dell’Aeroporto di Trapani, dove si è simulato l’arrivo dei Team nel paese colpito dall’evento calamitoso, i bersaglieri del 6° Reggimento di Trapani, che hanno svolto attività di controllo del territorio ed antisciacallaggio, un elicottero dell’82° SAR dell’Aeronautica Militare, che ha operato il trasporto di soccorritori ed attrezzature a Montevago, che si simulava non essere raggiungibile via terra, i carabinieri della stazione di Poggioreale, che hanno garantito la security, le truccatrici della Croce Rossa, che hanno riprodotto sulle vittime i segni dei traumi ipotizzati.

Per la prima volta ha partecipato ad una ModEx anche ICCROM, braccio operativo dell’UNESCO, che ha testato delle procedure per il recupero di beni di pregio artistico in caso di terremoto

Lo scenario esercitativo reale unito alla capacità di tutto il personale partecipante ha reso reale e, quindi, estremamente efficace l’esercitazione, che ha ricevuto il plauso dei rappresentanti della Commissione Europea.

I sindaci di Poggioreale e Montevago nella cerimonia di chiusura hanno espresso l’orgoglio di poter contribuire a tale attività, sottolineando come non vi sia modo migliore di ricordare le vittime del  1968 se  non addestrando i soccorritori di tutto il mondo a salvare in futuro vite umane coinvolte nella medesima tragedia.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.