Auguri di un 2020 fortunato con i "Nasi di Soho"|Foto Gallery :ilSicilia.it

Buon anno da Londra tra leggenda e realtà

Auguri di un 2020 fortunato con i “Nasi di Soho” |Foto Gallery

di
31 Dicembre 2019

Guarda in alto la Foto Gallery

Cari Watson siculi, la vostra Patti Holmes, da Londra, vuole augurarvi un 2020 fortunatissimo, andando alla ricerca dei “Sette nasi“, Seven nose, di Soho. Vi starete chiedendo il perché di questa caccia al tesoro e che cosa c’entri col nuovo anno ed ecco svelato l’arcano: una leggenda narra che a Londra ci si possa arricchire riuscendo a trovare questi sette nasi disseminati un po’ ovunque, di cui, la vostra investigatrice fricchettona particolarmente buona forse per l’imminente arrivo del nuovo anno, si è messa alla ricerca per augurarvi prosperità.

Le Leggende sui Nasi di Soho
Armata di lente d’ingrandimento e cappello d’ordinanza, scesa a Piccadilly Circus, a due passi, non metaforici, da Soho, pur affascinata e stordita dagli schermi giganti, , dall’Hard Rock Cafè, da mille negozietti di leccornìe, ha continuato la sua missione, sperando di riuscire nell’impresa in cui altri hanno fallito. A dirla tutta, senza l’aiuto medianico di zio Sherlock, già trovarne uno o due, sarebbe un successo, ma iniziamo questo percorso, più complicato del previsto, setacciando muri, strade, guardando ovunque, nulla, senza mai demordere. Un italiano, londinese d’adozione, incontrato per caso, però, ha fatto emergere la verità, sommergendo la leggenda e provocando uno shock pari a quello che si subisce da bambini quando qualche adulto, o ragazzino dispettoso, ci svela, senza che noi lo vogliamo, che Babbo Natale non esiste, cancellando di colpo l’infanzia in un attimo.

Prima di osservare il diritto di cronaca, e ringraziare il foriero di questa “cruda” notizia, di leggenda in leggenda, però, approdiamo a un’altra che ha al centro uno di questi nasi di cui si conosce la collocazione, l’interno dell’Admiralty Arch, il grandioso edificio che collega Trafalgar Square con il Mall, in direzione di Buckingham Palace, che si dice abbia la forma di quello, piuttosto grande, del Duca di Wellington, che i soldati toccavano come portafortuna ogni volta che attraversavano l’arco sul dorso di un cavallo. Un’altra ancora, invece, lo vede come una presa in giro dell’Ammiraglio Nelson, la cui statua osserva la città dalla sommità della celebre colonna, famoso oltre che per le imprese militari, anche per la sua “protuberanza” facciale.

Dalla leggenda alla realtà dei fatti
Il nostro improvvisato gancio ci riporta alla realtà dei fatti: nel 1997, in alcune zone del centro di Londra, su alcuni palazzi e muri apparvero degli strani nasi, rimossi nei giorni successivi. Bisogna aspettare il 2011 per conoscere il nome dell’artefice che ne confessò la paternità, Rick Buckley. Ma cosa lo aveva portato a questa titanica impresa? Un acceso dibattito, proprio nel 1997, sul numero di telecamere di sicurezza sparse nelle strade della città che aveva fatto insorgere molti che, sentendosi spiati, le ritenevano una insopportabile limitazione della libertà individuale. Buckley, che in quei giorni stava leggendo un libro sul Situazionismo, un movimento filosofico-sociologico e artistico marxista libertario, decise di compiere un’azione solitaria, facendo un calco del suo naso, ne produsse decine di copie in gesso, dipinte ognuna con i colori degli edifici in cui sarebbero comparsi e in una notte, non ben identificata, si mise all’opera.

Ben 35 riproduzioni del suo naso contro chi voleva mettere il naso nella vita dei londinesi. Per dimostrare che lui e solo lui era stato l’ideatore di questa protesta, inoltre, li fotografò tutti. Potete trovare alcune di questi scatti in una bella edizione di un racconto surreale di Nikolaj Vasil’evič Gogol’, intitolato appunto “Il naso”, pubblicato nel 1836. Detto ciò, siccome la vostra Holmes vuole portarvi fortuna, ecco che ne ha scovato uno. Basterà per ingraziarsi il 2020? Elementare Watson e che il nuovo anno sia generoso e vi porti quanto desiderate.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti