17 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 21.40
Palermo

la pista mafiosa potrebbe essere accantonata

Auto dell’attivista di Libera bruciata. Non è stata un’intimidazione ma un rogo di rifiuti

25 Marzo 2019

Nell’ambito delle indagini sull’incendio che ha bruciato l’auto dell’attivista di Libera Chiara Natoli, la pista mafiosa, ipotizzata in un primo momento visto l’impegno della donna, potrebbe essere accantonata.

Le immagini delle videocamere e i primi accertamenti degli investigatori farebbero pensare a un tentativo di dar fuoco a rifiuti abbandonati nella zona, il quartiere popolare del Borgo Vecchio, da parte di un uomo: le fiamme, appiccate a un cumulo di immondizia, si sarebbe propagate fino a raggiungere la macchina della giovane.

L’obiettivo dell’incendiario quindi non sarebbe stato il veicolo. Le videocamere infatti, al contrario di quanto si è detto, immortalerebbero non due uomini, poi in fuga, ma una persona in ciabatte, che peraltro non sarebbe nuova a gesti simili, che passa con un accendino e dà fuoco ai rifiuti.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.