Autonomie locali, Zambuto: "Bene emendamento per 150 milioni ai Comuni siciliani" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Autonomie locali, Zambuto: “Bene emendamento per 150 milioni ai Comuni siciliani”

di
25 Novembre 2021

L’assessore regionale alle Autonomie locali, Marco Zambuto, esprime apprezzamento per la presentazione in commissione Finanze al Senato dell’emendamento che destina 150 milioni di euro a favore dei Comuni siciliani per gli accantonamenti del Fondo crediti di dubbia esigibilità. La norma è stata inserita nel disegno di legge sul collegato fiscale.

«È il risultato di un percorso – sottolinea Zambuto, che proprio nelle scorse settimane aveva accompagnato gli amministratori locali siciliani nella manifestazione di protesta a Roma –  che ha visto il governo Musumeci, fin dal primo momento, al fianco dei sindaci dell’Isola. Un’iniziativa realizzata in sinergia con l’Anci Sicilia per tutelare i Comuni che si trovano in gravi criticità finanziarie, a seguito anche delle difficoltà dovute all’emergenza sanitaria in corso. Auspichiamo che pure l’Aula possa procedere con l’approvazione della norma che porterà “ossigeno” nelle casse dei Comuni consentendo agli enti in difficoltà di trovare l’equilibrio finanziario necessario per l’approvazione dei bilanci di previsione».

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.