19 luglio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 15.33

Capitale Messina

Autorità portuale e risorgimento messinese

15 giugno 2017

Ha ragione da vendere il quotidiano cittadino, che ieri titolava “Sui porti si consuma il delitto più grave” a proposito dello scellerato accorpamento che condurrà i porti messinesi sotto l’egida di Gioia Tauro. Mancano solo15 giorni alla scadenza della proroga concessa da Delrio all’Autorità portuale messinese, anche se presumibilmente verrà reiterata per altri 6 mesi (non farlo sarebbe autolesionismo puro, a pochi mesi dalle elezioni regionali), ma prima o poi questo “delitto” verrà comunque consumato.

Delitto perché riteniamo le argomentazioni a favore dell’accorpamento ormai insostenibili, mentre le preoccupazioni che avevamo manifestato, si stanno verificando tutte, una dopo l’altra. È inutile prenderla alla larga, nella futura ADSP, i messinesi non conteranno nulla ed i nostri soldi andranno a riempire i buchi del bilancio di Gioia Tauro; tutto il resto sono favole! Ma la battaglia contro l’abolizione della nostra Autorità portuale va ben al di là del semplice tema della salvaguardia dei nostri interessi. No, non è solo questo. È innanzitutto, e stupisce che non lo si comprenda, una battaglia identitaria. Non campanilistica, che è cosa diversa, ma identitaria.

In una città come la nostra, ormai in una crisi economica irreversibile, ma anche socioculturale e di rappresentazione politica, che perde enti e funzioni oltre che abitanti, serve un segnale che dica che Messina ce la può fare! È necessario che la città vinca questa sfida per cominciare a credere in sé stessa. Dopo decenni di declino, perché la nostra crisi è stata sicuramente aggravata dall’amministrazione attuale ma proviene da lontano, per ripartire è necessario che la città elabori come prima cosa una idea di sé.

E quale può essere la chiave della rinascita, il simbolo del risorgimento di Messina, se non il recupero della centralità del suo porto. Quel porto che è stato l’anima, il genius loci della gloriosa e millenaria storia di Messina, interrotto dalla catastrofe del 1908, e che deve ridiventare il baricentro socioculturale della città. Per questo è così importante difendere l’autonomia dei nostri porti, e chi ha a cuore il futuro della nostra città non può che condividere questa battaglia. Per questo contro l’accorpamento con Gioia Tauro la parola d’ordine dei messinesi deve essere: resistere, resistere, resistere.

Blog
di Renzo Botindari

Strade e Scarpe

Ora potremo essere capitale di qualunque cosa, potremo candidarci ad accogliere tutto il mondo, ma fin quando le strade saranno piene di buche, la città sarà pur sempre una città da terzo mondo.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.