Autorizzazione a procedere a Salvini: l'esito dipende dal voto di un senatore 5 Stelle | ilSicilia.it :ilSicilia.it

no del presidente della giunta per le immunità

Autorizzazione a procedere a Salvini: l’esito dipende dal voto di un senatore 5 Stelle

di
9 Gennaio 2020

Non c’è alcuna certezza sul voto della Giunta delle immunità del Senato in merito alla richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini sul caso Gregoretti.

La proposta di respingerla è stata avanzata dal presidente della Giunta Maurizio Gasparri nella relazione che ha illustrato ai senatori, all’inizio della riunione. Il voto in giunta sancità la risposta alla richiesta del tribunale dei ministri di Catania nei confronti dell’ex ministro dell’Interno per il ritardato sbarco di 131 migranti l’estate scorsa.

“Si ritiene doveroso prospettare l’opportunità che la Giunta coerentemente proponga all’assemblea il diniego della richiesta di autorizzazione a procedere di cui al documento in titolo”. È la conclusione della relazione del presidente della Giunta delle immunità del Senato Maurizio Gasparri sulla richiesta di autorizzazione a procedere.

I senatori del Movimento 5 Stelle hanno già fatto sapere che voteranno a favore del processo a Salvini, in quanto  – a loro dire – quella del ministro dell’Interno fu “un’attività isolata, di un abuso della potestà amministrativa perché l’indicazione di un porto sicuro competeva esclusivamente al Viminale. Non c’era alcun dialogo con gli altri ministeri”. Una tesi smentita dallo stesso Salvini che nella sua memoria difensiva ha allegato sette mail che dimostrerebbero il contrario e cioè che l’attività fu concertata con il governo, in particolare con Conte e con Di Maio.

Sul voto pesa l’incognita del senatore cinquestelle Mario Michele Giarrusso, che potrebbe votare in controtendenza rispetto alle indicazioni di partito. Giarrusso, infatti, da tempo è critico con il Movimento e con l’azione di governo e da mesi non restituisce più la quota di stipendio parlamentare come invece previsto dal regolamento M5s. Se dovesse votare contro o astenersi i numeri potrebbero ribaltarsi e la Giunta respingere la richiesta di far processare Matteo Salvini. Analoga incognita sul voto dell’autonomista Meinhard Durnwalder. Se così fosse, in sostanza, nell’aula del senato non arriverebbe alcuna indicazione ufficiale sulla richiesta di autorizzazione a procedere.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin