Autostrada Catania – Ragusa, Musumeci (Ugl): "Territori penalizzati, chiediamo aiuto al presidente Mattarella" :ilSicilia.it
Catania

l'appello del sindacato

Autostrada Catania – Ragusa, Musumeci (Ugl): “Territori penalizzati, chiediamo aiuto al presidente Mattarella”

di
19 Agosto 2019

E’ ormai un dato di fatto che il sud-est della Sicilia è un set ideale per la realizzazione di serie tv di successo, ma la fiction che ormai da anni va avanti sulla realizzazione dell’autostrada tra Catania e Ragusa è davvero squallida. Una pessima figura mondiale ed un grave danno per una fascia della nostra isola che potrebbe essere ancor più produttiva e trainante per l’economia non solo siciliana“, questo il commento pesante del segretario generale territoriale della Ugl di Catania, Giovanni Musumeci, su uno dei temi più caldi dell’ennesima estate passata senza l’avvio dell’agognato cantiere.

Quello che sta accadendo è senza ombra di dubbio il prodotto per eccellenza della politica dell’incertezza, del vorrei ma non so e, talvolta anche dei no, che si è accentuata negli ultimi mesi con la sciagurata gestione politica del Ministero delle infrastrutture. Ed ora, quasi beffarda, ci si mette di mezzo anche una crisi di governo, che non sappiamo quando durerà ed a cosa porterà, proprio nel momento in cui probabilmente si sarebbe finalmente trovata la quadra dopo lo stanziamento delle somme da parte del Cipe“, aggiunge il segretario.

E possiamo comprendere la rabbia dei sindaci dei territori che collegano i due capoluoghi di area vasta, sempre più penalizzati da un estenuante tira e molla, ed ovviamente sposiamo appieno l’ira dei lavoratori che sono costretti nel 2019 a viaggiare su un’arteria penosa e di quegli imprenditori che reclamano più modernità per far crescere economia e occupazione. Giunti a questo punto, l’unica persona a cui possiamo rivolgerci, per far valere le ragioni di questa parte di Sicilia, non può che essere il presidente della Repubblica Sergio Mattarella“, continua Giovanni Musumeci.

Su di lui, autorevole garante della nazione e dei diritti degli italiani, non ci resta che riporre la speranza di un’accelerazione prioritaria per la realizzazione di un’opera pubblica fondamentale anche in funzione del corridoio europeo, coincidente con la grande direttrice che da Berlino arriva fino alla Sicilia. Ci auguriamo, dunque, che in queste calde giornate che purtroppo ancora una volta la nostra nazione dovrà vivere tra Parlamento e Quirinale, al pari del Tav la Catania – Ragusa possa trovare definitivamente la giusta dignità per non diventare più oggetto di propaganda elettorale“, conclude il segretario generale territoriale della Ugl di Catania.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.